I prossimi flagship OnePlus verranno lanciati con una serie di eventi concomitanti su scala globale il prossimo 14 maggio e, nel frattempo, sono numerosi i rumors che si rincorrono in rete con lo scopo di anticipare le caratteristiche degli attesi OnePlus 7 e OnePlus 7 Pro. A generare grande interesse e curiosità è soprattutto questo secondo device, un top di gamma dotato di fotocamera con zoom ottico 3x che si va a posizionare come diretto competitor dei device prodotti da Huawei e Samsung. Anche il prezzo sarà molto vicino a quello previsto per gli Huawei P30 Pro – che però ricordiamo avere uno zoom ottico 5x – e i Samsung S10 Plus, o forse qualcosa meno (qualcuno parla di circa 749 euro).

In attesa dell’evento OnePlus di maggio, Wired ci offre la possibilità di ammirare come funziona la fotocamera del OnePlus 7 Pro, mostrando i primi scatti effettuati con questo device che, ricordiamo, ha tra le sue caratteristiche innovative principali lo schermo dalla super risoluzione, grazie alla frequenza di aggiornamento di ben 90Hz. Secondo alcuni, il top di gamma OnePlus potrebbe arrivare sul mercato già predisposto per le reti 5G.

OnePlus 7 Pro: lo zoom ottico

Tornando al comparto fotografico del OnePlus 7 Pro, dal punto di vista estetico, i sensori fotografici sporgono di più rispetto ai precedenti device OnePlus. Simon Liu, Imaging Director OnePlus, spiega:

Dal punto di vista di un fotografo professionista, una delle principali differenze con uno smartphone è lo zoom ottico. Sui nostri telefoni precedenti, volevamo mantenere un bel corpo del telefono che non fosse troppo spesso, assicurandoci che l’obiettivo non sporgesse troppo. In questo caso, l’input degli utenti nei forum ci ha aiutati ad inserire queste funzionalità nel telefono. Ma abbiamo cercato di trovare il giusto equilibrio sull’intera esperienza del telefono.

Il modello di pre-produzione “quasi finale” arrivato nelle mani dei colleghi di Wired presenta un’interfaccia della fotocamera semplice da utilizzare anche da parte di utenti non esperti, che ricorda quella giù presente sul OnePlus 6T. Lo zoom ottico 3x sembra ben comportarsi, anche in caso di video, grazie anche al supporto di un software all’altezza. Lo zoom digitale consente di arrivare fino ad un ingrandimento 10x. Il sensore principale è da 12 megapixel pixel e, almeno su questo prototipo, non sembra esserci la possibilità di creare foto con una risoluzione massima di 48 MP.

 

Dal punto di vista della qualità, Wired afferma che ci sono meno dettagli, più rumore e meno contrasto nelle immagini ingrandite di OnePlus 7 Pro, rispetto alle immagini con zoom 5x realizzate con il Huawei P30 Pro. Viene confermata l’assenza del sensore di profondità ToF sul OnePlus 7 Pro e segnalato un ritardo dell’otturatore di poco meno di 0,3 secondi che, secondo Wired, lo rende meno veloce dei Google Pixel 3. L’HDR automatico è stato ottimizzato rispetto ai precedenti dispositivi OnePlus, con un aspetto più naturale e toni medi meno compressi. Il OnePlus 7 Pro sembra mantenere una temperatura cromatica realistica e una fedeltà tonale anche quando l’HDR entra in azione.

OnePlus, con i device della serie 7 ha inoltre cercato di rendere la modalità ritratto “più naturale”, con un effetto bokeh il più vicino possibile a quello che si otterrebbe con un obiettivo professionale. Anche l”isolamento del soggetto e la sfocatura progressiva sono stati migliorati rispetto al OnePlus 6T.

Migliorata inoltre la modalità Notte, ora chiamata Nightscape, che sembra funzionare bene pur richiedendo più tempo rispetto a uno scatto in diurna, ma meno rispetto alla modalità Notte di Huawei. Nel complesso, le foto di OnePlus 7 Pro sembrano più naturali e meno elaborate rispetto a quelle dei suoi predecessori.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Wired