Largamente atteso, finalmente iPhone 12 è arrivato anche nelle nostre mani e lo abbiamo potuto provare. Dopo diversi giorni di test, eccolo nella nostra recensione completa.

iPhone 12: quanto costa e dove comprarlo

Il prezzo di iPhone 12, quello ufficiale, varia in base al taglio di memoria. Si parte da 939€ per il modello con 64GB di storage interno, 989€ per quello con 128GB e 1109€ per l’edizione con 256GB di spazio di archiviazione.

Sebbene si tratti di uno smartphone della mela morsicata, ed è quindi complicato poterlo trovare in sconto dopo poco dal lancio ufficiale, è comunque possibile fare un giro su Amazon prima di comprarlo: una riduzione di prezzo potrebbe sempre essere possibile.

iPhone 12: la recensione

Come sempre, la recensione di iPhone va vissuta – più che per gli smartphone Android – come un’esperienza che deve valutare nel complesso hardware e software. Non si può raccontare che “c’è meno RAM che in altri top di gamma”: l’esperienza si valuta nel complesso. Quest’anno poi, un occhio di riguardo lo merita l’estetica.

Design

Hai presente iPhone 11? Bene, non ha nulla a che vedere – sotto il punto di vista estetico – con iPhone 12. Quest’anno la mela morsicata torna un po’ al “passato”, riscoprendo un design più spigoloso: se piace o meno, è meramente soggettivo. Io, personalmente, da questo stile industrial sono stata subito conquistata.

Il corpo è in alluminio e vetro: sul telaio manca l’acciaio, che invece è presente sulle edizioni Pro. iPhone 12 è sufficientemente compatto, si tiene bene in una sola mano e lo si può anche utilizzare senza troppo sforzo. Il posteriore e l’anteriore sono in vetro: per tutti gli iPhone 12, la mela morsicata ha utilizzato il vetro Ceramic Shield a protezione dello schermo. Secondo quanto dichiarato, questo nuovo vetro – realizzato in collaborazione con Corning – dovrebbe essere più robusto di tutti gli altri vetri attualmente montati su smartphone, proteggendo fino a 4 volte di più, in comparazione alle protezioni delle precedenti generazioni di iPhone. Insomma, per darvene conferma avrei dovuto buttarlo per terra, ma preferisco fidarmi dei dati tecnici. Non manca la certificazione IP68.

Attenzione, a riguardo della robustezza del Ceramic Shield, non c’è da fare confusione: questo nuovo vetro non è “ingraffiabile”. Qualche graffio, se non userete pellicole, si potrà comunque creare, è fisiologico. Si tratta di un punto importante da chiarire perché sul Web si sono consumate lamentele proprio relative a questo: più di qualcuno si è convinto che questo nuovo vetro si ingraffiabile, ma non è così. Tuttavia dovrebbe essere molto più robusto.

Nel complesso, iPhone 12 è esteticamente molto particolare, ben diverso rispetto ai predecessori: sotto il punto di vista del design, mi ha piacevolmente impressionata.

Display

Un ottimo pannello: questo è il riassunto più stringato dello schermo di iPhone 12. Il display è un OLED Super Retina XDR da 6,1″ con risoluzione di 2532X1170 pixel. La visibilità del display è eccezionale in ogni condizione di luminosità. Affidabile anche la resa dei colori e dei dettagli. Apple non ha lesinato sul suo modello “non Pro” e si nota. Basti pensare che il pannello è un OLED e non un LCD. Sopravvive, ancora per quest’anno almeno, il notch.

Hardware e software

iPhone 12 punta sulla presenza del nuovo processore Apple A14 Bionic: un vero e proprio concentrato di tecnologia e potenza realizzato con processo produttivo a 5 nanometri. Un esa core, che ha a bordo due core ad alte prestazioni, in grado di arrivare fino a 3,1 GHz di frequenza. Un chip che può anche contare su un co-processore dedicato all’intelligenza artificiale (il Neural Engine), migliorato rispetto a quello presente su A13 Bionic. Infine, non manca una GPU nuova di zecca, ad alte prestazioni. A supporto ci dovrebbero essere 4GB di RAM (non confermati ufficialmente) e – per l’edizione da noi provata – 256GB di storage interno.

Come anticipato, prima di dare un giudizio all’hardware, è imprescindibile precisare che software c’è a bordo di iPhone 12. Ovviamente, mi riferisco ad iOS 14. Un sistema operativo che, come anticipato in apertura, è in grado di annullare la conta dei core e della memoria volatile perché – come tutti gli OS Apple – è cucito addosso ai device e questo si traduce in performance (quasi) sempre soddisfacenti. Bene, in questo caso il mix tra hardware e software si conferma “esplosivo”, nel senso buono, si intende.

iPhone 12 è bravo a fare tutto: ci si può navigare sui social, guardare un video poco impegnativo su YouTube, ma anche videogiocare, lavorare in multitasking o montare un video. Questo smartphone riesce a star dietro a tutte le esigenze che potreste avere, senza alcuna incertezza.

La sicurezza, sotto il punto di vista dei metodi biometrici, è affidata all’ormai celeberrimo Face ID. Ad oggi credo che sia ancora il sistema di riconoscimento del volto (per smartphone) più efficace.

Il 5G e la ricezione

iPhone 12 è dotato di connettività 5G sotto reti mmWave (solo USA) e sub 6-Ghz. Un tipo di connettività sulla quale non posso purtroppo esprimere pareri perché non ho reti compatibili nella mia zona. Posso però raccontarvi della ricezione in generale, che è buona, nella media.

Batteria

La batteria di iPhone 12 dovrebbe avere dimensione di 2815 mAh (non ci sono dati ufficiali). Su carta, un po’ pochi, nella pratica mi sono ricreduta: con un uso abbastanza intenso, sono comunque arrivata quasi a sera (un po’ di ricarica intorno alle 19 era necessaria). Nei weekend invece ho coperto più o meno l’intera giornata. Non ho utilizzato praticamente mai il risparmio energetico, sebbene quello su iOS sia uno dei miei preferiti.

La ricarica rapida può essere a cavo, certo, ma senza fili è più divertente quest’anno, grazie all’introduzione del sistema MagSafe del quale abbiamo vi abbiamo ampiamente raccontato. Ad ogni modo, bisogna ricordare un dettaglio importante: quest’anno in confezione c’è solo un cavo USB C – Lightning. Niente adattatore per la ricarica e niente auricolari. Per ricaricare lo smartphone dovrete attrezzarvi, acquistando un adattatore a parte, se non ne avete già uno in casa.

Foto, video e audio

Il comparto fotografico di iPhone 12 è composto da due sensori in totale. Due sensori che se la cavano parecchio bene e il cui potenziale è stato approfondito in questo articolo: il riassunto è che il device scatta sempre bene, ma vi consiglio di leggerlo e di dare uno sguardo alle foto realizzate con il melafonino. Quanto ai video, con questo smartphone si riescono a girare video con massima risoluzione 4K a 60fps: io resto sempre piacevolmente stupita quando giro video con uno dei più recenti modelli di iPhone (l’ultimo, ma anche l’XS Max, per fare un esempio). Sembra sempre di avere un gimbal invisibile, per quanto sono stabilizzati bene.

La selfie camera da 12MP si fa fregio del sistema per il Face ID al momento di sfornare dei ritratti che non hanno concorrenti. La True Depth Camera di iPhone 12 regala soddisfazioni praticamente in ogni occasione, anche in notturna, dove però – secondo me – lasciando fare allo smartphone c’è un uso dell’HDR che andrebbe rivisto e reso meno “aggressivo”. Anche con la camera frontale potrete riprendere con massima risoluzione 4K a 60fps.

L’audio di iPhone 12 è stereo: un suono chiaro e limpido, sebbene solo sufficientemente alto. Ad ogni modo, non si organizzato dei party facendo affidamento sull’audio dello smartphone per animare la serata, ecco. Dunque, va più che bene. Devo esplicitarlo, è inutile forse, ma per sicurezza vi ricordo che manca la porta mini jack per le cuffie. Manca a partire da iPhone 7, in realtà.

Giudizio finale

A parte il corpo in alluminio, che potrebbe risultare un problema nel caso siate parecchio sbadati durante l’utilizzo dello smartphone. Penso che iPhone 12 sia uno smartphone da prendere assolutamente in considerazione se si è appassionati dell’ecosistema della mela morsicata. Lo scorso anno, qualche dubbio in più fra il modello standard e quello Pro, c’era. Quest’anno, con l’arrivo dei pannelli OLED anche sui “base” di gamma, mi sento di consigliare iPhone 12 con zero remore.

Certo, sempre dipende dallo smartphone di partenza. Vi anticipo eventuali domande come: conviene passare da iPhone 11 ad iPhone 12? Dal mio punto di vista no, cambia poco a livello di sostanza nell’uso quotidiano, a parte il design e il 5G (la cui presenza per ora ha importanza si, ma relativa). E da iPhone 11 Pro/Pro Max ad iPhone 12? Idem, come sopra. Un discorso che non vale solo per i melafonini in questione, ma che estenderei alla quasi totalità di paragoni fatti fra una generazione e quella subito successiva di un modello di smartphone: a parte specifiche eccezioni, raramente conviene fare l’upgrade di generazione ogni anno.

Tuttavia, se siete possessori anche solo di iPhone XS ad esempio, allora il discorso cambia e l’upgrade è già giustificato. Ancora di più se siete utenti Android e volete approcciarvi per la prima volta (o nuovamente) ad iPhone. Al netto della possibilità di budget, invece di iPhone SE, prendete un iPhone 12: non c’è da pentirsene.

Immagini Apple iPhone 12

Tutte

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata Nano
Supporta On the GO per le periferiche USB
Tipologia dual sim dual stand-by
Supporta e-sim
Supporta dual sim
Tipo di batteria Li-ion
Ricarica rapida
Ricarica wireless
RAM 4 MB
Memoria interna 256 MB
GPS
Sistemi GPS supportati QZSS
Clock 2.99 GHz
Chipset Apple Apple A14 Bionic (6 core)
Reti supportate
Pixel per Inch (ppi) 460
Luminosità in NITS (candele/mq) 1200 NITS
Rapporto d'aspetto 19,5:9
Schermo pieghevole
Tipo di pannello OLED
Diagonale 6,1"
Risoluzione 2532x1170
Sistema Operativo iOS 14
NFC
HDMI
Infrarossi
Funzioni Bluetooth LE/EDR/A2DP
WiFi WiFi 6
USB Proprietario v3.1
Bluetooth

Foto e video

Numero sensori 1
Flash NO
Risoluzione massima
1 12.2Mpx
Frame rate (fps) 60
Messa a fuoco Fissa
Apertura focale
1 2.20
Massima risoluzione video 2160p
* specifiche per sensore
Numero sensori 2
Raw
Grandangolo
2 1
Risoluzione massima
1 12.2Mpx 2 12.2Mpx
Frame rate (fps) 60
Messa a fuoco Autofocus
Stabilizzatore
1 OIS+EIS
Apertura focale (f)
1 1.60 2 2.40
Massima risoluzione video 2160p
Zoom
1 Ottico(2x)
* specifiche per sensore

Multimedia

DTS
aptX - presenza della tecnologia qualcomm per il BT wireless low latency
Dolby Atmos
Hi-Res Audio
Audio Stereo
Low Latency Audio
DAC Audio dedicato

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Sensore impronta sotto il display
Riconoscimento iride
Bussola
Barometro
Giroscopio
Accelerometro
Prossimità/Luminosità