Qualcomm Snapdragon 855 sarà presentato a brevissimo durante il tradizionale Tech Summit dell’azienda, che ha inizio proprio oggi 4 dicembre. Intanto, ormai sembrano essere trapelati tutti i i dettagli a riguardo dell’ultimo processore top di gamma, che sarà presente sulla maggior parte degli smartphone di punta del 2019.

Ormai è praticamente certo che il nome del nuovo SoC del colosso americano sarà Snapdragon 855 e non 8150 (o 8155) come alcune indiscrezioni hanno lasciato credere dopo aver male interpretato un documento che riportava il nome in codice del processore.

Snapdragon 855 non ha più segreti

Sembra che tutti i dettagli del chip siano stati rivelati involontariamente dai colleghi di Techcrunch dopo aver pubblicato per errore un articolo contenente informazioni sul processore, che ancora non è ufficiale. Naturalmente, la news è stata immediatamente rimossa, ma i pochi istanti in cui è rimasta online sembra siano stati sufficienti per ricavarne importanti dettagli.

Snapdragon 855 è definito come il primo processore per dispositivi mobili con a bordo un modem 5G, che sembra confermato essere l’X50. In realtà, i modem sarebbero due, l’X50 sarebbe affiancato all’X24.

Il SoC dovrebbe essere costruito con processo produttivo a 7 nanometri ed avrebbe un’architettura basata su tre cluster. Il primo, dedicato all’efficienza energetica e le operazioni di base, avrebbe un clock a 1,78 Ghz. Il secondo, per le task più impegnative, si fermerebbe a 2,42 Ghz mentre il terzo gruppo di core sarebbe dedicato ai momenti in cui servono performance elevate ed arriverebbe alla massima frequenza di 2,84 Ghz. Inoltre, all’interno del chip sarebbe integrata anche una NPU (Neural Power Unit) che naturalmente sarebbe dedicata all’elaborazione dati necessaria al buon funzionamento del sistema di intelligenza artificiale.

La grafica sarebbe affidata alla GPU Adreno 640, con una feature dedicata al gaming che si chiamerebbe “Snapdragon Elite Gaming“. Non mancherebbe il supporto alla realtà aumentata ed un nuovo processore d’immagine che contribuirà a rendere migliori gli scatti fotografici.

Infine, Snapdragon 855 dovrebbe offrire maggior supporto ai lettori d’impronte digitali posizionati sotto il display. Ormai, il nuovo metodo di sblocco è diventato uno standard e Qualcomm sembra essersi adattata. Con il nuovo sistema sonico 3D, le soluzioni adottate dai vari produttori di device sarebbero supportate meglio e potrebbero offrire prestazioni più elevate e maggior sensibilità al tocco.

Ormai è questione di ore prima che Qualcomm Snapdragon 855 sia presentato ufficialmente, il Tech Summit è appena iniziato e non resta che attendere di ricevere maggiori informazioni sul nuovo chip.

Fonte: Gizmochina