Ecco le applicazioni di posta elettronica di terze parti che Apple permette di istallare come predefinite: tra tutte, naturalmente, spicca Gmail del colosso di Mountain View.

Apple: posta elettronica alternativa

Sappiamo che iOS 14 e iPadOS 14 consentono agli utenti di impostare app di terze parti come browser predefiniti per iPhone e iPad. Ma non è finita, dato che i possessori di questi dispositivi – aggiornati con le nuove versioni del sistema operativo della Mela – possono anche impostare applicazioni di terze parti – come la celebre Gmail di Google – come servizi di posta predefinita. Tuttavia, pare che – a causa della presenza di informazioni sensibili nelle e-mail – Apple abbia comunicato agli sviluppatori che le app di posta elettronica “devono soddisfare specifici standard funzionali per garantire la privacy degli utenti“. In poche parole, ciò significa che tutte le applicazioni di posta elettronica di terze parti potrebbero richiedere del tempo per adattare il loro software ai requisiti di Apple: molte app e-mail alternative non soddisfano, infatti, gli standard del colosso statunitense.

Tuttavia, gli sviluppatori che non sono riusciti ancora ad ottenere l’avvallo di Apple stanno già lavorando alle loro app per soddisfare lo standard richiesto dalla compagnia: successivamente, gli esperti potranno presentare nuovamente la domanda alla Mela per l’eventuale approvazione.

Al momento le applicazioni di posta elettronica alternative avvallate da Apple sono: Airmail, Boomerang, Canary, Gmail, Hey, Outlook, Polymail, Spark, Spike, Twobird, Yandex.Mail.

Ricordiamo che i nuovi aggiornamenti iOS 14 e watchOS 7 stanno causando ad alcuni utenti non pochi problemi, come un enorme consumo della batteria e la perdita dei dati relativi al GPS. Tuttavia, Apple ha ora fornito una soluzione, invitando gli utenti a seguire questi passaggi:

  • Disaccoppia l’Apple Watch
  • Esegui il backup di tutti i file sul tuo iPhone e Apple Watch
  • Ripristina i due dispositivi (iPhone e Apple Watch)
  • Ripristina tutti i tuoi dati dal backup.
Fonte:Gizchina