Ufficializzato a ottobre 2019, OPPO Reno2 si presenta nel mercato degli smartphone medio di gamma come nuova opzione di casa OPPO. Ecco tutte le novità di questo smartphone tra i dettagli della nostra recensione completa.

OPPO Reno2: prezzo e disponibilità in Italia

Lo smartphone è disponibile in vendita anche in Italia dal 18 ottobre 2019. Il suo prezzo di vendita è di 499€ (è disponibile anche su Amazon) per la versione con 8GB di memoria RAM e 256GB di storage interno. Gli unici colori di vendita sono il Luminous Black e l’Ocean Blue.

Design e display

OPPO Reno2 è uno smartphone oggettivamente molto bello, lo era già il suo predecessore – OPPO Reno – ma la colorazione Luminous Black conferisce a questo mattoncino spesso e pesante un look incredibilmente elegante e affascinante. Sul posteriore, le fotocamere a filo con il vetro, e l’irrinunciabile pallina in ceramica O-Dot, non fanno che aumentarne l’appeal.

Sul frontale di OPPO Reno2 c’è un display AMOLED da 6,5″ con risoluzione FHD+ e bordi praticamente assenti. Non ci sono notch o fori, la fotocamera anteriore è incastonata nell’ormai collaudato meccanismo motorizzato pop-up a pinna di squalo, che però – rispetto alla scorsa edizione – questa volta non ospita sul posteriore il flash del comparto fotografico principale.

Tornando al display, la visibilità è ottima in qualsiasi condizione di luce. Affidabile anche la regolazione automatica della luminosità. Inoltre, le impostazioni permettono di personalizzare l’esperienza di visione al massimo, anche se purtroppo manca il tema dark (c’è però una feature per ridurre lo sfarfallio del display).

Sotto il pannello c’è un lettore d’impronte digitali ottico che funziona bene, con o senza pellicola di protezione, ed è anche parecchio rapido. Lo schermo è protetto da vetro Gorilla Glass 6, mentre il posteriore conte su un Gorilla Glass 5.

Nel complesso, confermo la valutazione estetica fatta già per OPPO Reno: è pesante, è un mattoncino, ma è decisamente bello ed elegante. Quando lo prenderete in mano, vi darà la sensazione di uno smartphone solido, per niente delicato, nonostante i profili in vetro.

Hardware e software

Siamo davanti a uno smartphone medio di gamma, un device che sotto la scocca ha il processore Qualcomm Snapdragon 730G, affiancato da 8GB di RAM e 256GB di storage. Il sistema operativo è Android Pie 9, personalizzato dall’interfaccia utente ColorOS 6. Naturalmente, sullo smartphone arriveranno (speriamo presto) Android 10 e ColorOS 7.

Specifiche tecniche e parte, l’esperienza d’uso è stata decisamente piacevole praticamente in ogni occasione: dal normale utilizzo quotidiano fino alle attività più “complesse” come la rielaborazione di foto e video o le attività di gioco. In particolare, proprio sul gaming Reno2 punta evidentemente parecchio: il SoC Snapdragon 730G è stato pensato proprio per offrire interessanti performance di gioco che – insieme ai tool software di “Spazio Gioco” (offerto dall’interfaccia utente) – rendono l’esperienza di gaming piacevole e stabile.

Per quello che riguarda l’uso quotidiano, come anticipato, non ho avuto alcun problema. ColorOS è un’interfaccia utente che personalizza in modo pesante il sistema operativo Android: inevitabilmente, assodato che la UI a livello tecnico fa bene il suo lavoro, il resto dell’opinione è altamente soggettiva. Graficamente, ColorOS 6 può piacere oppure sembrare troppo pesante: a me non dispiace affatto.

Buona la ricezione di questo device, oserei dire superiore alla media. Promossa anche la qualità dell’audio in conversazione. A bordo di Reno2 c’è un modem LTE di categoria 15 in download.

Come anticipato, il principale sistema di sblocco di questo device è il lettore d’impronte digitali, ma c’è anche il riconoscimento del volto. Sebbene funzioni correttamente, sconsiglio questo metodo per due ragioni: innanzitutto si tratta di un sistema 2D, che fa esclusivamente affidamento sulla selfie camera; inoltre, la sollecitazione continua del meccanismo a pinna di squalo non è certamente l’ideale.

Autonomia energetica

La batteria a bordo di OPPO Reno2 è da 4000 mAh, ma non fa miracoli: ho sempre e solo coperto la singola giornata di utilizzo, non sono mai riuscita ad andare oltre. Come al solito, sottolineo che solitamente non sfrutto alcun sistema di risparmio energetico, se non le ottimizzazioni software di base messe in atto dalla UI.

Il sistema di ricarica rapida VOOC Flash Charge 3.0 mi ha effettivamente consentito di salvarmi in corner quando il device era scarico, guadagnando circa il 50% di ricarica in meno di una mezz’oretta, partendo da smartphone spento (completamente scarico!).

Foto, video e audio

Il comparto fotografico di OPPO Reno2 è certamente fra i suoi punti di forza, almeno su carta. Viene spontaneo il paragone con OPPO Reno 10X Zoom, ma in realtà non è con un flagship che vanno fatti i confronti, si fanno con il diretto predecessore: dunque, non rimaneteci male per l’assenza del mega zoom, non è mai stato previsto.

Ad ogni modo, c’è un comparto fotografico decisamente rispettabile composto da quattro sensori. Il principale è l’ormai arcinoto Sony IMX586 da 48MP (con apertura focale f/1.7 e supportato da stabilizzazione ottica ed elettronica).  Al suo fianco, un sensore da 8MP che offre scatti grandangolari, uno da 13MP che garantisce zoom ottico 2X, ibrido 5X e digitale fino a 20X. Infine, l’ultimo è da 2MP responsabile dei ritratti e dell’effetto bokeh.

In termini pratici, gli scatti sono buoni praticamente in ogni situazione: dalle panoramiche agli scatti in macro. Sono rimasta decisamente soddisfatta anche delle foto realizzate in notturna, sebbene alcune volte l’HDR sia parecchio spinto. Non è certamente il camera phone dell’anno, ma nel complesso se la cava bene. Il software e l’elaborazione post scatto aiutano ad ottenere buoni risultati.

Quest’anno OPPO ha puntato particolarmente anche sul lato video: grazie allo stabilizzatore Ultra Steady potrete sbizzarrivi a realizzare video stabilizzati a regola d’arte, fino al FHD a 60fps (il device è in grado di arrivare al 4K). Quando ho visto all’opera questa funzionalità durante il lancio ufficiale di OPPO Reno2, ero un po’ perplessa: sembrava essere fin “troppo” performante, ma poi – provandolo nei test – mi sono dovuta ricredere: è veramente una funzionalità che mescola hardware e software in modo sapiente e i risultati sono decisamente interessanti. Sul frontale di OPPO Reno2 c’è una selfie camera da 16MP che fa bene il suo dovere.

L’audio di OPPO Reno2 è mono, ma è alto e abbastanza limpido. Sopravvive su questo device il jack audio da 3,5 millimetri, una feature ormai sempre più rara.

Giudizio finale

OPPO Reno2 mi ha convinto, esattamente come il suo predecessore. Il suo prezzo di 499€ potrebbe sembrare elevato, ma la fascia di appartenenza del device non dev’essere l’unico fattore da tenere in considerazione per valutare il valore di un device: c’è da considerare anche la qualità dei materiali di costruzione, l’attenzione ai dettagli, la visibilità del display e le performance del comparto fotografico.

Quindi si, il prezzo di listino di 499€ è decisamente giustificato. OPPO Reno2: promosso, ma se avete un OPPO Reno, potete risparmiarvi l’upgrade.

Immagini OPPO Reno2

Tutte

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata 2 nano-SIM
Supporta On the GO per le periferiche USB
Tipologia dual sim dual stand-by
Supporta e-sim
Supporta dual sim
Capacità (mAh) 4000
Tipo di batteria Li-ion
Ricarica rapida
Ricarica wireless
RAM 8 GB
Memoria interna 256 GB
Memoria esterna microSD fino a 256 MB
GPS
Sistemi GPS supportati Glonass,Galileo,Beidou,A-GPS
Clock 2.2 GHz
Chipset Qualcomm Snapdragon 730G (8 core)
Reti supportate
Pixel per Inch (ppi) 400
Rapporto d'aspetto 20:9
Protezione Gorilla glass 6
Schermo pieghevole
Tipo di pannello AMOLED
Diagonale 6,5"
Risoluzione 2400x1080
Interfaccia utente ColorOS
Sistema Operativo Android (Pie)
NFC
HDMI
Infrarossi
Funzioni Bluetooth A2DP/LE/EDR/aptX HD
WiFi WiFi 5
USB Type-C v3.1
Bluetooth v5.0

Foto e video

Numero sensori 1
Flash SINGOLO
Risoluzione massima
1 16Mpx
Frame rate (fps) 30
Apertura focale
1 2
Massima risoluzione video 1080p
* specifiche per sensore
Numero sensori 4
Raw
Flash LED Flash
Grandangolo
3 1
Risoluzione massima
1 48Mpx 2 13Mpx 3 8Mpx 4 2Mpx
Frame rate (fps) 30
Messa a fuoco PDAF
Stabilizzatore
1 OIS+EIS 2 OIS
Apertura focale (f)
1 1.7 2 2.4 3 2.2 4 2.4
Massima risoluzione video 2160p
Zoom
1 Digitale 2 Ibrido(5x)
* specifiche per sensore

Multimedia

DTS
aptX - presenza della tecnologia qualcomm per il BT wireless low latency
Dolby Atmos
Hi-Res Audio
Audio Stereo
Low Latency Audio
DAC Audio dedicato

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Sensore impronta sotto il display
Riconoscimento iride
Bussola
Barometro
Giroscopio
Accelerometro
Prossimità/Luminosità