OPPO Reno è uno smartphone medio di gamma molto interessante, lanciato ad aprile 2019 insieme alla sua variante premium: OPPO Reno 10X Zoom. Ecco la nostra recensione con tutti i dettagli su specifiche tecniche, prezzi, uscita e disponibilità in Italia.

OPPO Reno: prezzo e uscita in Italia

Lo smartphone è stato presentato ufficialmente in Cina il 10 aprile e successivamente svelato nella sua edizione internazionale – destinata anche al mercato europeo – il 24 aprile, durante un evento ufficiale organizzato a Zurigo. Dal 10 maggio il device sarà in vendita anche in Italia al prezzo di 499€. Si tratta di una cifra che può sembrare elevata per uno smartphone medio di gamma, ma ci sono molti aspetti del device che giustificano un costo più elevato. Di una cosa siamo certi: 100€ in meno lo avrebbero reso decisamente molto più appetibile, ma non avrebbero al tempo stesso reso onore alle qualità di cui è stato impreziosito.

oppo reno

Design e display

OPPO Reno ha un design curato nei minimi dettagli: nulla è lasciato al caso. Il touch and feel regala immediatamente la sensazione di avere fra le mani uno smartphone di fascia elevata e tale percezione non è certo sgradita dopo aver effettuato un investimento di una certa caratura. Il posteriore è protetto da un vetro Gorilla Glass 5 3D con un trattamento che riflette la luce in modo delicato, creando una gioco molto gradevole a livello estetico, ma non troppo marcato come i classici gradienti. La colorazione che abbiamo provato noi è la Ocean Green, probabilmente la più bella. Le fotocamere posteriori sono implementate al di sotto del vetro: bando alle sporgenze.

Inoltre, per proteggerle da graffi accidentali sotto i sensori è posizionato la particolare O-Dot, una pallina in ceramica che ha il compito di sollevare di qualche millimetro il comparto fotografico quando il device è posizionato su una superficie. In teoria, questo dovrebbe prevenire i graffi al vetro delle camere, in pratica è difficile stabilire se funziona o meno, ma certamente è un dettaglio estetico di grande appeal. La logica è quella per cui creando una piccola sporgenza centrale che funge da perno ad ogni appoggio, la fotocamera risulta protetta dalla semplice geometria dei punti di contatto con le superfici. Tale soluzione risulta sicuramente molto “smart”, ma la sua utilità è chiaramente compromessa nel caso in cui l’appoggio avvenga su una superficie irregolare.

Il back panel è incredibilmente liscio, probabilmente troppo sotto il punto di vista del grip, che ne risente parecchio. I profili laterali, dello stesso colore del back panel, sono in metallo. Anche qui, c’è una cura minuziosa dei dettagli con una serie di scanalature che corrono intorno a porte e pulsanti.

oppo reno

Sul frontale c’è un pannello da 6,4″ di tipo OLED (protetto da vetro Gorilla Glassi 6), con risoluzione Full HD+ e bordi praticamente assenti. Ottima la visibilità e fulminea la regolazione della luminosità in base alle condizioni ambientali. Chiaramente, dalle impostazioni potrete settare la temperatura colore e qualche altro dettaglio.

Nella descrizione non abbiamo accennato al lettore d’impronte digitali ed alla fotocamera frontale: ci sono, ma sono nascosti. Il primo è alloggiato al di sotto dello schermo e – a patto di una pressione energica – funziona piuttosto bene. La seconda invece è posizionata, insieme alla capsula auricolare ed al flash LED posteriore, all’interno del particolare meccanismo pop-up motorizzato a ventaglio (o pinna di squalo, come preferite). La feature hardware è bella da vedere, curata in dettaglio e d’impatto.

L’unico limite che ho trovato, come su OPPO Find X, riguarda lo sblocco con riconoscimento del volto: l’utilizzo del meccanismo pop-up ogni volta che è necessario sbloccare il device aumenta il consumo di batteria ed espone lo stesso meccanismo ad usura (anche se OPPO garantisce 5 anni di vita del sistema con una media di 200 aperture quotidiane).

Hardware e software

Sotto la scocca di OPPO Reno c’è il processore Qualcomm Snapdragon 710, supportato da ben 6GB di memoria RAM e 256GB di storage interno, non espandibili tramite microSD. Un bel quantitativo di memorie, considerando la fascia di appartenenza dello smartphone. Il sistema operativo al lancio è Android Pie, sotto la nuovissima interfaccia utente ColorOS 6: ero molto curiosa di provarla perché mi intrigava molto il mix fra feature innovative e cura estetica del tema.

oppo reno

La UI non lascia traccia dell’esperienza stock di Android, ma ha un design comunque sufficientemente pulito e meno pacchiano delle generazioni precedenti. Ci sono una serie di feature aggiuntive, che puntano al miglioramento dell’esperienza utente ed all’ottimizzazione dell’utilizzo del device. Nel complesso, OPPO Reno gira abbastanza bene, non ho notato particolari casi di incertezza durante l’uso, solo ogni tanto c’è stato qualche impuntamento di pochi istanti: nulla che non possa essere risolto con un aggiornamento software.

oppo reno

Su OPPO Reno il gaming è una “cosa seria”. Lo “Spazio Gioco” consente di usufruire di una serie di feature software dedicate proprio alle sessioni di gioco. Queste si sono rivelate sempre piacevoli, ma consiglio di tenere il device con una cover che possa aumentare il grip: il rischio che scivoli via dalle mani durante il gioco è concreto.

 Autonomia Energetica

La batteria di OPPO Reno è da 3765 mAh e non delude le aspettative. La giornata di uso stress vi consentirà di arrivare a fine giornata con un 20/25% di autonomia residua, senza dover ricorrere a particolari forme di risparmio energetico: dovrete semplicemente affidarvi all’ottimizzazione delle risorse energetiche operata dal device. La ricarica avviene in un’oretta scarsa grazie al sistema di ricarica super rapida a cavo VOOC 3.0.

Foto, video e audio

OPPO Reno è dotato di un comparto fotografico principale composto da due sensori: il principale è il Sony IMX586 da 48MP supportato da un secondo sensore da 5MP dedicato esclusivamente alla profondità di campo. Non c’è lo zoom ottico, ma di fatto è come se ci fosse, grazie proprio alla grande quantità di MP presenti sul sensore principale. Infatti, a livello software è possibile usufruire di uno zoom digitale 2X di buon livello. La Ultra Night Mode è in grado di restituire scatti fotografici con scarse condizioni di luminosità che sono paragonabili a quelli ottenibili con un device top di gamma: il rumore è ridotto al minimo e la qualità delle immagini è ben definita. Soddisfacente anche il resto degli scatti: dalle macro alle panoramiche. L’intelligenza artificiale interviene per riconoscere le scene e definire le migliori impostazioni da utilizzare per ogni foto. I video sono girati con massima risoluzione 4K, ma in FHD sono stabilizzati a livello elettronico.

Sul frontale c’è una selfie camera da 16MP di buona qualità, il meccanismo pop-up renderà più divertente la realizzazione di ogni singolo scatto.

L’audio è mono, molto alto e nitido, ma pur sempre mono. Sopravvive su questo device la il mio amato jack audio da 3,5 millimetri.

oppo reno

Giudizio finale

OPPO Reno mi è piaciuto, un sacco. Dal design alle prestazioni. Non è leggero, ma nel complesso è uno smartphone che coniuga eleganza e robustezza. L’O-Dot e il meccanismo pop-up motorizzato sono la ciliegina sulla torta. Come anticipato in apertura: se solo fosse stato lanciato a 100€ in meno, avrebbe certamente messo in seria difficoltà la concorrenza. Non resta che sperare in uno street price più interessante.

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata 2 nano-SIM
Supporta On the GO per le periferiche USB
Tipologia dual sim dual stand-by
Supporta e-sim
Supporta dual sim
Capacità (mAh) 3765
Tipo di batteria LiPo
Ricarica rapida
Ricarica wireless
RAM 6 GB
Memoria interna 256 GB
Memoria esterna
GPS
Sistemi GPS supportati Glonass,Galileo,Beidou,A-GPS
Clock 2.2 GHz
Chipset Qualcomm (8 core)
Reti supportate EDGE,UMA,UMTS,HSDPA,GPRS,LTE
Nome modello e produttore Adreno 616
Pixel per Inch (ppi) 400
Rapporto d'aspetto 19,5:9
Protezione Gorilla glass 6
Schermo pieghevole
Diagonale 6,4"
Risoluzione 2340x1080
Interfaccia utente ColorOS
Sistema Operativo Android (Pie)
NFC
HDMI
Infrarossi
Funzioni Bluetooth A2DP/LE/EDR/aptX HD
WiFi WiFi 5
USB Type-C v2.0
Bluetooth v5.0

Foto e video

Numero sensori 1
Flash NO
Risoluzione massima
1 16Mpx
Frame rate (fps) 30
Messa a fuoco Fissa
Apertura focale
1 2
Massima risoluzione video 1080p
* specifiche per sensore
Numero sensori 2
Raw
Flash LED Flash
Risoluzione massima
1 48Mpx 2 5Mpx
Frame rate (fps) 30
Messa a fuoco PDAF
Apertura focale (f)
1 1.7 2 2.4
Massima risoluzione video 1080p
* specifiche per sensore

Multimedia

DTS
aptX - presenza della tecnologia qualcomm per il BT wireless low latency
Dolby Atmos
Hi-Res Audio
Audio Stereo
Low Latency Audio
DAC Audio dedicato

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Sensore impronta sotto il display
Riconoscimento iride
Bussola
Barometro
Giroscopio
Accelerometro
Prossimità/Luminosità