OPPO non ha intenzione di smettere di stupire con smartphone dal form factor particolare. Dolo lo slider motorizzato di OPPO Find X, durante il prossimo Mobile World Congress l’effetto sorpresa sarà riservato al suo primo smartphone pieghevole. La notizia sembra essere ufficiale, poiché confermata dalla stessa azienda.

Anche OPPO produrrà il suo pieghevole

Il prossimo anno sarà (anche) quello degli smartphone pieghevoli, che si affiancheranno a device con doppo schermo e display con microscopici notch che sembrano più un buco nello schermo. OPPO, decisa più che mai a penetrare nel mercato europeo, non ha certo deciso di rimanere a guardare. Soprattutto, considerando che è stato fra i primi produttori ad introdurre nuovi modi di concepire lo smartphone votati a garantire il massimo spazio frontale dedicato al display.

Sembra che l’azienda cinese sia pronta a presentare durante il prossimo MWC – che si terrà a febbraio dal 25 al 28 febbraio 2019 – il suo primo smartphone pieghevole, equipaggiato quasi certamente con schermo flessibile. A confermarlo è stato Chuck Wang – product manager di OPPO – durante un’intervista rilasciata al sito olandese Tweakers. Purtroppo, non è stato rilasciato alcun dettaglio in merito al possibile design del terminale e la possibile data di rilascio sul mercato, l’unica traccia è un brevetto depositato qualche tempo fa dall’azienda. Certamente, la scelta di un parterre come il MWC lascia intendere che lo smartphone arriverà in versione internazionale praticamente da subito. Non dovrebbe esserci il rischio che rimanga riservato al mercato cinese, non avrebbe granché senso.

OPPO è decisa a penetrare da subito, rientrando così fra le prime realtà produttrici, in un settore tutto nuovo che colossi come Samsung e Huawei si preparano ad invadere. Per il momento, l’unico prototipo di smartphone pieghevole, equipaggiato con display flessibile, che sia stato mostrato in pubblico dai giganti del settore è quello di Samsung. Ad ogni modo, la sua natura di unità di pre-produzione è evidente, a partire dall’approssimazione delle linee estetiche, ancora troppo goffe per essere considerato un device quasi pronto per la commercializzazione. Tuttavia, c’è un piccolo produttore che ha battuto tutti sul tempo ufficializzando e commercializzando (a partire da dicembre ed in versione sviluppatore) il primo smartphone flessibile. Si tratta di Royole FlexPai, probabilmente non è il device più bello del mondo, ma sembra completo e pronto ad affrontare il pubblico. La partita è aperta ed è tutta da giocare!

 

Fonte: Tech Radar