La vendita della divisione mobile di Nokia a Microsoft ha generato non poco scompiglio sui mercati internazionali, e la decisione da parte dell’azienda di Redmond di rinunciare allo storico brand finlandese per identificare le prossime linee di smartphone ha creato confusione e portato l’opinione pubblica a trarre conclusioni errate.

Per questo motivo il braccio dell’azienda Nokia rimasto indipendente da Microsoft ha voluto sottolineare attraverso una nota ufficiale il prosieguo delle proprie attività, contrassegnate tra l’altro da una situazione economico-finanziaria che fa ben sperare per il futuro.

Barry French
Barry French

Così scrive Barry French, Executive Vice President di Marketing and Corporate Affairs di Nokia: “Alcuni dei report pubblicati oggi sui giornali riguardo la decisione da parte di Microsoft di eliminare il brand Nokia hanno decretato la morte del brand Nokia. Ma, per parafrasare Mark Twain, “le notizie sulla nostra morte sono esagerati”. Sì, abbiamo venduto la nostra attività di business della telefonia mobile a Microsoft. Ma la Nokia di oggi è finanziariamente robusta ed è passata dalla debolezza alla forza. Abbiamo uno dei business sulle infrastrutture delle telecomunicazioni migliori al mondo, siamo leader mondiali nel business della localizzazione e delle mappe, abbiamo un portfolio di proprieà intellettuale stellare ed alcune delle capacità di innovazione migliori che si possano avere. Ricordate, Nokia ha iniziato la propria attività quasi 150 anni fa con solo una cartiera. Nel tempo abbiamo reinventato noi stessi ripetutamente e con successo. Non possiamo essere la stessa Nokia di anni fa, ma ci siamo, siamo forti, e il nostro brand è ancora molto vivo”.