LG è sicura che l’intelligenza artificiale alla base del software degli ultimi modelli dei suoi smartphone sia in grado di gestire in modo efficiente le risorse dei device, incluse quelle energetiche. Per questo motivo, LG G7 ha a bordo una batteria da appena 3000 mAh,  che si è rivelata non esattamente all’altezza del potenziale del flagship. Un passo avanti sarebbe stato fatto con LG G8 ThinQ, ma probabilmente non è ancora sufficiente.

LG G8 ThinQ: 400 mAh in più

Un nuovo leak avrebbe permesso di ottenere informazioni sull’autonomia energetica del futuro flagship. Si tratta di una foto di quella che dovrebbe essere la batteria del device, la dimensione della stessa sarebbe di 3400 mAh. Dunque, 400 mAh in più rispetto all’attuale top di gamma, che – come anticipato – probabilmente non saranno comunque sufficienti per garantire autonomia ottimale.

Stando ai render stampa trapelati, LG G8 ThinQ non avrebbe uno spessore eccessivamente risicato: probabilmente una ben più appetibile batteria da 4000 mAh potrebbe agevolmente essere inserita sotto il pannello posteriore. Ad ogni modo, si tratta solo di speculazioni: il design del device potrebbe essere differente e – soprattutto – solo gli ingegneri del colosso coreano hanno la piena consapevolezza di come siano distribuiti i componenti all’interno del device. Del resto, anche Samsung Galaxy S10 probabilmente deluderà sotto il punto di vista dell’autonomia energetica.

LG: grandi novità al MWC

G8 ThinQ non sarà l’unica novità che l’azienda ha in serbo per il Mobile World Congress 2019, è certo che sarà presentato anche LG V50 ThinQ 5G: il successore di V40 ThinQ, appena arrivato in Italia, che sarà equipaggiato con il processore Qualcomm Snapdragon 855 e modem Snapdragon X50, in grado di offrire il supporto alla connettività 5G.

Inoltre, l’azienda potrebbe avere in mente anche di presentare uno smartphone pighevole, ma con un form factor diverso da quello scelto dagli altri produttori. Infatti, il pieghevole potrebbe non essere costruito sfruttando un display flessibile, bensì due schermi che – quando ravvicinati – potrebbero essere l’uno l’estensione dell’altro. In questo modo, il foldable di LG potrebbe costare meno di quelli della concorrenza.

Fonte: Gizchina.com