L’India rappresenta per i costruttori telefonici un importante mercato, probabilmente assieme alla Cina la realtà con più ampio margine di crescita.

 

Per questo motivo Anuj Kanish ha deciso di lanciare nel sub continente indiano Enmac, un telefono pensato soprattutto a soddisfare le necessità dei 180 milioni di mussulmani presenti nel Paese.

 

“L’India ha circa 180 milioni di mussulmani, e la penetrazione della telefonia mobile all’interno di questa comunità è inferiore rispetto al resto della popolazione. Ma nel momento in cui un prodotto od un servizio importanti sono disponibili, allora ciò rappresenta un potenziale per incrementare il numero di utenti”, ha affermato Kanish.

 

Ed ha anche aggiunto che “la religione è molto importante in India, così come è importante la telefonia mobile. Il nostro obiettivo consiste nel fornire un prodotto che unisca entrambi i concetti come combinazione tra tecnologia e religione”.

 

Enmac MQ710 è in grado di offrire agli utenti mussulmani il Corano ed altri testi sacri in 29 lingue, di indicare tramite GPS la posizione della Mecca e di Medina, un doppio slot per dual SIM e l’opzione di silent mode automatico nel periodo di preghiera.

 

Enmac
Enmac MQ710