Sony ha ben 25 giochi per PlayStation 5 in lavorazione, inclusi titoli con personaggi che non avete mai visto. Di fatto, parliamo di capolavori a tripla A in cantiere, pertanto aspettatevi di tutto.

Sony: pronta ad investire nel settore dei videogame indie

Apparentemente Sony sta cercando di rilasciare più di 25 giochi per PlayStation 5 realizzati dai suoi studi proprietari. “Quasi la metà” di loro non saranno sequel o spin-off, secondo quanto dichiarato in un'intervista concessa a Wired con il responsabile di PlayStation Studio (ed ex amministratore delegato di Guerrilla Games) Hermen Hulst.

In teoria potrebbero trattarsi di molti più giochi rispetto ai quattro titoli Sony originali di cui già conosciamo:

Ventuno giochi aggiuntivi potrebbero essere un enorme passo per PS5, soprattutto considerando quanto lentamente stanno uscendo le esclusive; Gran Turismo è già slittato al prossimo anno, per esempio.

Tuttavia, Sony potrebbe non essere completamente impegnata nella produzione di tutti i giochi che non sono disponibili. Il marchio PlayStation Studios è un po' misterioso. Quando è stato annunciato per la prima volta, Eric Lempel, il capo del marketing globale di Sony Interactive Entertainment, ha detto a GamesIndustry.biz che il brand “non significa che possediamo a titolo definitivo lo sviluppatore, ma significa solo che lo abbiamo sollevato per primo. In molti casi non siamo i proprietari dello studio di produzione, ergo non abbiamo molta voce in capitolo.

Fra i giochi realizzato da studi esterni che hanno collaborato con Sony troviamo l'imminente Kena: Bridge of Spirits e un titolo di Haven Studios.

Inoltre, se questo nome non suona familiare, è perché è stato appena formato a marzo, quando la nota figura del settore Jade Raymond ha lasciato Google e ha chiuso i suoi studi di sviluppo su Stadia.

Hulst ha detto che alcuni giochi sarebbero stati piccoli e quindi, richiedono meno tempo per lo sviluppo. Inoltre, molti di questi non faranno parte di franchise già esistenti, ed è entusiasmante per gli appassionati di capolavori indie non a tripla AAA.

E anche se i giochi potrebbero non essere tutti giochi originali, questa potrebbe non essere necessariamente una cosa negativa: Returnal era un gioco PlayStation Studios realizzato da uno sviluppatore esterno ed è un perfetto esempio di un videogame originale che ha ricevuto molti elogi sin dal suo rilascio.

Vale anche la pena notare che questi giochi non saranno necessariamente esclusivi per PS5. MLB: The Show 21 è disponibile su Xbox e Horizon Zero Dawn ha ottenuto un porting su PC (un po' problematico).

Sony ha anche affermato di essere interessata a portare altri suoi giochi su PC in futuro.

Fonte:Wired