Il Redmi Note 9 Pro di Xiaomi è il primo telefono al mondo Xiaomi non Android One ad essere certificato “Android Enterprise Recommende”. Per chi non lo sapesse, il colosso di Mountain View ha lanciato il suo programma nel lontano 2018 per certificare i dispositivi che godono di un’implementazione aziendale.

Redmi Note 9 Pro: il primo AER “non Android One”

Con questa certificazione, Google avrebbe voluto rendere più facile la vita alle aziende, determinando con precisione quali fossero i migliori dispositivi Android pensati per soddisfare le richieste di una società in base a diversi criteri. Di fatto, i telefoni AER (Android Enterprise Recommende) devono soddisfare un requisito hardware minimo, devono godere di aggiornamenti di sicurezza Android per un tempo di almeno tre anni ed essere sbloccati dal produttore.

Ad oggi, BigG ha certificato più di 150 telefoni di diversi produttori e il Redmi Note 9 Pro è l’ultimo Xiaomi ad essere entrato a far parte della lista. In passato, abbiamo visto il Mi A2, il Mi A2 Lite e il Mi A3. Di fatto, è il quarto telefono del costruttore a ricevere la suddetta approvazione ma è il primo a non avere il sistema operativo Android in versione One. Troviamo infatti la release canonica del robottino verde, personalizzata con la skin Xiaomi MIUI.

Giusto come “remind me”, Redmi Note 9 Pro vanta un processore Qualcomm Snapdragon 720G, skin MIUI 11 su Android 10 ad alimentare il tutto, una batteria da 5020 mAh con supporto alla fast charge da 30 W e un display LCD da 6,67 pollici in risoluzione FullHD+.

Anteriormente troviamo una selfiecam al centro del pannello da 16 Megapixel, mentre posteriormente ci sono quattro telecamere, la cui principale offre una risoluzione di 64 Mpx. Unitamente al sensore principale, troviamo una ultra-wide da 8 Mpx, una macro da 5 Mpx e un sensore di profondità da 2 Mega. Redmi Note 9 Pro è disponibile in due varianti differenti (6+64 e 6+128 GB), con prezzi che partono da 269 $.

Vale la pena osservare che anche OPPO e OnePlus sono entrate a far parte del programma AER; i primi device OPPO certificati sono i nuovi telefoni della gamma Find X2, mentre OnePlus ha ottenuto il riconoscimento per la nuova line-up OP 8.

Fonte:Android Enterprise Partners