Privacy ancora nel mirino con la scoperta di CarrierIQ, un piccolo software installato "ufficialmente" su oltre 140 milioni di smartphone in USA che dovrebbe servire a monitorare la qualità del funzionamento del device e della rete ma che in realtà pare che riesca a raccogliere numerose informazioni sulle operazioni effettuate dagli, ignari, utenti. 

La scoperta è stata fatta da Travor Eckart, uno sviluppatore ed esperto informatico americano, che ha individuato questo software "nascosto" in alcuni smartphones basati su sistema operativo Android. Oltre a compiere il suo lavoro, CarrierIQ, sarebbe in grado di tenere traccia di siti web visitati, posizione, applicazioni scaricate e cancellate ed addirittura le lettere digitate quando si scrive un SMS. Carrier IQ sarebbe presente anche in altri device basati su altri sistemi operativi.

 

 

Google, dal canto suo, se ne lava in un certo senso le mani ed afferma : "Non abbiamo nessuna affiliazione con CarrierIQ. Android è un progetto open source e noi non controlliamo il modo in cui operatori e produttori personalizzano i propri device"  

Tracce del software sarebbero state ritrovate anche in iOS anche se non attivo nativamente ma solo quando il device è in modalità diagnostica. Apple, tuttavia, ha dichiarato "che in un futuro aggiornamento il software verrà rimosso completamente". HP, Nokia e RIM hanno affermato di non usare il software sui loro device.

 

Joe Belfiore di Microsoft ha confermato tramite Twitter che su nessun device basato su Windows Phone è presente questa applicazione.

 

In una nota pubblicata sulla homepage del suo sito, la Carrier IQ ha affermato che il software è stato appositamente sviluppato per aiutare a migliorare i servizi ed i prodotti e che le informazioni raccolte non vengono registrate né cedute a terzi. 

 

Per verificare la presenza dell’applicazione sul proprio smartphone Android è stato reso disponibile tramite il forum XDA Developers un piccolo software chiamato Logging Test App.

 

Carrier IQ
Carrier IQ

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum