OnePlus è un marchio che ha sempre realizzato smartphone di punta. Nell’ultimo anno invece, l’azienda ha esplorato nuovi territori, portando in commercio i primi televisori smart (in alcune regioni del mondo), le prime cuffie TWS e, un mese fa, la prima smart band low-cost. Adesso invece, sembra che l’OEM cinese si voglia espandere ulteriormente producendo orologi intelligenti: dopo fughe di notizie (ufficiali e non solo), tutto sembra essere pronto all’arrivo di questa inedita tipologia di gadget e, a tal proposito, oggi è trapelata un’altra indiscrezione che mostra il possibile design dello smartwatch.

OnePlus: avrà una cassa rotonda, a quanto pare

Il marchio cinese ha brevettato un design relativo ad uno smartwatch presso l’Ufficio tedesco dei brevetti e dei marchi (GPTO). Il marchio deve ancora confermare l’estetica ufficiale del wearable, tuttavia, la descrizione del brevetto mostra una cassa circolare e diversi cinturini al seguito.

Uno degli schizzi ci mostra un quadrante rotondo con cinturino simile a quello in silicone dell’Apple Watch. Sul lato destro, sembrano esserci sono due pulsanti che probabilmente serviranno per la navigazione all’interno del menù e dell’interfaccia utente. Spostandoci sul retro, ci sono sensori per la frequenza cardiaca, per il monitoraggio del livello dell’ossigeno presente nel sangue, per il check della pressione sanguigna e così via. Sotto di essi, sono visibili anche due punti di contatto che, a quanto pare, serviranno per caricare magneticamente il device. Secondo il rapporto, questa potrebbe essere l’iterazione “Sport” dell’orologio OnePlus.

Il secondo design non è nuovo per coloro che seguono le notizie del brand. Notiamo un telaio che si estende leggermente all’esterno e viene fornito con un cinturino che sembra essere decisamente più elegante; ha anche una clip su un’estremità del cinturino.

Attenzione, però: si dice che la società apparentemente svelerà due modelli differenti, uno con cassa rotonda (denominato OnePlus Watch RX) e uno con una cassa quadrata. Questi dispositivi assomiglieranno alle controparti OPPO e ciò non deve stupire: i marchi sono gemelli. Per quanto riguarda il software, ci aspettiamo una soluzione proprietaria, anche se si ipotizza che possa esserci una nuova versione di Wear OS di Google. Staremo a vedere.

Fonte:Technik News