Se già era trapelata la news che confermava la presentazione del suo primo smartphone con tecnologia 5G, vale a dire l’LG V50 ThinQ 5G, durante il Mobile World Congress 2019 di Barcellona, LG ha ora confermato che quest’ultimo verrà svelato insieme all’LG G8 ThinQ.

LG V50 ThinQ 5G e LG G8 ThinQ al MWC 2019

LG è stato uno dei primi produttori ad impegnarsi per il 5G e sarebbe stato strano se avesse aspettato la seconda metà dell’anno per lanciare il suo primo telefono con questa connettività. L’annuncio di LG demolisce anche la speculazione secondo cui la società sudcoreana ritirerà la serie G a favore di V: va a consolidare invece l’intenzione della società di mantenere le due linee di prodotto G e V premium, oltre alla serie Q di fascia media e all’ingresso dei device di fascia bassa “X” in Corea.

Lo smartphone V50 ThinQ 5G verrà tuttavia commercializzato solo nei paesi dove sono già attive le connettività di nuova generazione: negli USA, ad esempio, i clienti potranno acquistare lo smartphone solo attraverso l’operatore mobile Sprint.

Parlando dell’altro device che verrà presentato al MWC, LG G8 ThinQ, ricordiamo che avrà a bordo una fotocamera per i selfie arricchita da un sensore 3D di tipo ToF: una tecnologia migliore di quelle standard, poiché più veloce e precisa.

Ritornando al primo device con 5G dell’azienda, vale la pena annotare che sarà dotato dello Snapdragon 855 e di una batteria da 4.000 mAh per alimentare l’affamato modem 5G. Con un chip così importate, LG V50 ThinQ 5G dovrebbe avere un prezzo altrettanto consistente: potrebbe essere necessario investire sino a circa 1200€ per acquistare il dispositivo 5G della società coreana. Il costo del terminale, considerando le difficoltà che l’azienda sta riscontrando nella vendita dei telefoni, potrebbe essere un ulteriore ostacolo per il decollo della strategia business del colosso asiatico.

La strategia MWC di LG, secondo il presidente Kwon Bong-suk, si concentrerà sul “miglioramento del valore del cliente” attraverso una maggiore identità e differenziazione del prodotto: funzionerà?

Fonte: Slashgear