Nessun problema per chi utilizza il
proprio telefono cellulare a bordo di una imbarcazione. Secondo il ministro
delle Telecomunicazioni, Salvatore Cardinale, chi è stato ultimamente
multato ha la facoltà di presentare ricorso, sicuro di vincerlo nella
maggior parte dei casi. La norma applicata per elevare le contravvenzioni è
decisamente superata e ormai priva di ogni significato prescrittivo. Non dimentichiamo
tra l’altro che il cellulare si è dimostrato decisivo in molte situazioni
di emergenza, soprattutto nelle barche di piccole dimensioni, spesso prive della
radio.

Il comando generale delle Capitanerie
di porto specifica che nessuno dei propri militari abbia mai multato qualcuno
per avere utilizzato un cellulare in barca. Secondo l’abitudine degli uomini
in forza alle Capitanerie vengono perseguiti esclusivamente i comportamenti
che mettano in serio pericolo la sicurezza. È importante ricordare che in base
agli accordi presi fra le amministrazioni che dispongono di forze operanti in
mare, i controlli sui diportisti vengono effettuati esclusivamente dalle Capitanerie.
Ricordiamo che avere un cellulare a bordo non esclude l’obbligo, valido per
la maggior parte delle imbarcazioni, di essere muniti di ricetrasmittente.