Diverse voci di corridoio affermano che dopo la EMUI 11, Huawei abbandonerà la nota interfaccia utente proprietaria a favore di HarmonyOS 2.0. In generale, questo accadrà nei prossimi mesi, ma non per il momento. Infatti, è appena trapelata una prima indiscrezione riguardante la futura release della skin del brand cinese: la EMUI 11.1.

Huawei: dopo la EMUI 11.1 ci sarà Harmony OS 2.0

Secondo le ultime indiscrezioni, la EMUI 11.1 uscirà a marzo, presumibilmente insieme alla nuova ammiraglia P50. Quali innovazioni porterà non è ancora stato riferito, ma non dovresti contare su chissà quali grandi novità. Allo stesso tempo, la nuova release sarà basato su HarmonyOS, ma la transizione completa degli attuali e futuri smartphone Huawei avverrà soltanto nella seconda metà dell’anno e non prima.

Dopo l’annuncio del sistema operativo proprietario per smartphone da parte di Huawei, c’è stato un dibattito sul web su quanto la nuova piattaforma mobile differirà da Android. Ad oggi, il problema è stato aggravato dall’accesso limitato alla versione beta del software. Ora, Ron Amadeo di ArsTechnica è stato in grado di testarlo e trarre le sue prime conclusioni.

HarmonyOS è “solo Android 10“, ha detto. L’uomo descrive Harmony OS come un fork di Android con un’interfaccia utente EMUI e alcune piccole modifiche. Allo stesso tempo, anche la UI è rimasta identica alla EMUI che Huawei installa sui suoi device Android:

Fare il fork di Android e lanciare il proprio sistema operativo rinominato va benissimo. Ma siate sinceri a riguardo. Dite che HarmonyOS è un fork di Android e non chiamate il sistema operativo come “un nuovo software” quando in realtà, è vero il contrario.

All’inizio di gennaio invece, un top manager di Huawei ha annunciato che Harmony OS non sarà una copia di iOS e Android. Siamo molto curiosi a riguardo.

Huawei ha sconfitto Apple all’interno del mercato cinese

Secondo CINNO Research e Canalys, Huawei è ancora comodamente leader nel mercato degli smartphone cinese. Secondo il rapporto trimestrale di International Data Corporation (IDC), le spedizioni sul mercato cinese degli smartphone nel quarto trimestre del 2020 sono state di circa 86,4 milioni di unità, con un leggero aumento dello 0,3% su base annua.

Nel quarto trimestre invece, le spedizioni di Apple, OPPO, Vivo e Xiaomi sono aumentate in modo significativo. Sebbene Huawei sia scesa del 34,5% su base annua, è ancora al primo posto con una quota del 25,1%.

Guardando l’intero 2020, Huawei è ancora molto avanti rispetto alla concorrenza. Nonostante tutto, il colosso cinese non vuole mollare la presa, perlomeno non in terra natale.

Fonte:MyDrivers