Durante gli ultimi anni Android e iOS hanno preso possesso dell’intero mercato smartphone, HUAWEI è ora pronta a rompere gli equilibri con il lancio di un nuovo sistema operativo chiamato HarmonyOS.

Dopo le vicissitudini tra HUAWEI e il governo statunitense e il conseguente ban che ha costretto il marchio cinese a rinunciare ai servizi Google, la nascita di HarmonyOS sembra ormai più vicina che mai. Il debutto imminente è stato confermato negli ultimi mesi da alcuni screenshot che hanno rivelato dei dettagli sull’interfaccia, a primo impatto molto simile alla EMUI attualmente presente sui dispositivi dell’azienda cinese, basata sul sistema di Google.

harmonyos

Leggi anche: HarmonyOS potrà essere usato da altri produttori

In vista della prima versione ufficiale, Wang Chenglu di HUAWEI ha dichiarato che HarmonyOS non rappresenta una copia di Android o di iOS e che il suo sviluppo non ha nulla a che vedere con i S.O. attualmente in commercio. Chenglu ha precisato che il nuovo sistema operativo non si limiterà agli smartphone, bensì nasce per offrire opportunnità anche a prodotti diversi, strettamente collegati al mercato mobile. Dalle sue parole possiamo ipotizzare che HarmonyOS voglia imporsi come unico software per tutta la lineup di dispositivi HUAWEI, compresi smartwatch, tablet e altri prodotti IoT.

Inoltre il presidente della divisione software di HUAWEI ha precisato che lo sviluppo di HarmonyOS è iniziato nel 2016, ben prima del ban da parte del governo Trump. Questa informazione ci suggerisce che l’idea di un sistema operativo “fatto in casa” sia nell’aria da diversi anni.

Non abbiamo informazioni ufficiali ma si vocifera che nel corso del 2021 arriverà la prima release di HarmonyOS, una versione beta che possa servire agli sviluppatori per entrare a contatto con il nuovo sistema cinese. Con questo ambizioso progetto HUAWEI lancia un guanto di sfida ai colossi Apple e Google, non vediamo l’ora di saperne di più e di conoscere le tempistiche di rilascio del nuovo OS.