Steve Jobs
è un film intelligente e ben fatto liberamente ispirato alla vita del leggendario co-fondatore di Apple, che vanta la presenza alla regia di Danny Boyle (The Millionaire, Trainspotting) e alla sceneggiatura di Aaron Sorkin, che abbiamo già visto in The Social Network. 

Nonostante l’ottimo riscontro da parte della critica, il film non sta portando però quei numeri che gli analisti si aspettavano, guardagnando solo 7,3 milioni di dollari nel week-end di apertura: per un film costato 30 milioni di dollari il risultato, nelle previsioni iniziali, è decisamente scoraggiante.

Nel frattempo lo studio di produzione si giustifica dicendo che ad una pellicola "cerebrale" come Steve Jobs occorrerà più tempo per far presa sul pubblico e di sicuro sarà un film che resterà a lungo nelle sale. Sicuramente al film non gioverà il giudizio che ne ha dato il giornalista Walt Mossberg, che ha avuto modo di conoscere il protagonista della pellicola e che ha criticato la sceneggiatura di Sorkin. L'accusa è di aver nascosto molti degli aspetti positivi del personaggio, accettuando invece le parti negative e dipingendolo come un uomo che in realtà non è stato, specie nell'ultimo periodo della sua vita.

 

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum