Nokia continua l’offensiva rivolta ai competitor specializzati negli apparecchi con destinazione utenza business.
Giusto, quindi, continuare per quanto ci è possibile a concedere ai nostri lettori ogni anteprima dei terminali sfornati dal produttore finlandese.
Oggi vi parliamo, dopo la succulenta prova dell’e60, di un device che sta di fatto a metà strada tra l’essenza palmare e quella prettamente cellulare: il Nokia E61.

Confezione
La confezione non ha nulla di originale, ma qui, forse per par condicio, troviamo una fotografia di una manager in gonnella intento a leggere chissà quale mail (dallo sguardo deduciamo un invito a cena…) sul display del suo Nokia E61, con alle spalle uno sfondo di grattacieli.
Come sul 9300i (ma, stranamente non sul Nokia E60), troviamo la scritta Nokia for Business.
La confezione contiene il telefono, batteria, caricabatteria con mini plug e adattatore, cavo dati con pop port, manuale di istruzioni in Italiano, cd con la suite e con il plug che permette l’utilizzo di tastiere senza fili bluetooth per l’immissione di testo.
Di serie e presente nel nostro packaging anche un supporto di memoria mini-sd, da 64mb.

Primo contatto

Il Nokia E61 è un dual mode UMTS/GSM quadband (900, 1800, 1900, 850) gprs ed Edge, il che significa, cari globetrotter, che non vi troverete scoperti in nessuna area del mondo.
La prima impressione che si ha impugnandolo è di robustezza, nonostante il ridotto spessore.
I materiali sono molto buoni, il coperchio batteria e la parte frontale sono in magnesio-alluminio, quindi inseme resistenti e leggerissimi; in plastica la parte superiore, per non interferire con l’antenna integrata.
Anche al tatto la sensazione è piacevole.
Peccato per la larghezza, forse eccessiva, soprattutto per chi ha mano piccole (misura 117 x 70 x 14 millimetri), si ha qualche difficoltà a digitare i tasti con una sola mano, mentre con 2 la tastiera risulta davvero comoda (a nostro giudizio, è sempre impagabile avere una QWERTY per scrivere lunghe mail o documenti in maniera quasi istantanea).
La tastiera è retroilluminata in maniera automatica, in un’ottica di risparmio autonomia, a colore bianco.
I toni però risultano abbastanza smorzati, tanto che, nelle mezze luci, si ha qualche difficoltà nell’individuare i tasti, soprattutto quelli numerici (serigrafati in azzurro).
Oltre alla QWERTY, troviamo il joystick centrale, preciso e comodo (purtroppo non gommato come sul Nokia e60), i 2 tasti funzione classici, i 2 tasti telefonici e, novità, un tasto dedicato alla posta, configurabile per farci accedere direttamente alla casella che preferiamo.
Lateralmente, troviamo i pulsanti dedicati al volume e alla registrazione vocale (se premuto brevemente) o alle funzioni vocali (se premuto a lungo).
Frontalmente c’è un led di stato, bianco, che ci segnala la presenza di nuove mail nella posta in arrivo, con un lampeggio di durata configurabile.
La connettività wireless del Nokia E61 è al top: c’è tutto, wi-fi compreso, mentre quella wired è assicurata dal cavo USB compreso nella confezione.
Passando alla disamina del telefono, non possiamo non parlare del display: secondo noi un passo indietro rispetto a quanto Nokia ci stava abituando in fatto di schermi.
Intendiamoci, con la sua risoluzione di 320×240 pixel e i 16 milioni di colori, l’e61 è tutt’altro che insufficiente, ma allo stesso tempo non presenta quella definizione alla quale ci eravamo abituati dopo i vari Communicator, l’N80 e, soprattutto, l’e60.
Rimane comunque un display molto ampio, una vera manna per chi ha poca dimestichezza con i caratteri microscopici degli ultimi periodi.

Il Nokia E61 monta il sistema operativo symbian serie 60 3 edizione, riveduto e corretto per questo display, il primo di un symbian 60 a essere orientato in senso orizzontale.
Il menù è sempre il medesimo, organizzato a cartelle, modificabili a piacere, stessa grafica, ma con una disposizione di 4 righe per 3 colonne di icone.
Vista la dimensione del display, pensavamo che Nokia avrebbe compreso un numero maggiori di icone, ma la scelta è stata quella di privilegiare la dimensione di queste piuttosto che il numero.
Anche se scegliamo la visualizzazione a lista e non a griglia, avremo infatti il medesimo risultato.
Nel menù in stand by, invece, parte del display è sacrificata per l’ora, e i link alle applicazioni sono aumentati a 7, invece che i classici 6; inoltre, la barra di stato con campo e batteria si trova in alto, molto piccola rispetto alle dimensioni del resto.
Oltre agli appuntamenti in agenda e al "to do", è possibile aggiungere allo stand by anche le informazioni relative ai messaggi in arrivo o a una determinata casella mail.
Per quanto riguarda intuitività ed estetica, vi rimandiamo alle altre prove di questo symbian; non cambia nulla.
La velocità generale del telefono invece ci è apparsa davvero buona, con cambio menù veloce, e switch tra applicazioni rapidi e indolori.
La parte del leone in questo Nokia E61 è la ricezione, sempre e in ogni caso ottima, sia in 3g, che in 2g, così come la qualità audio della chiamata: voci forti, audio potente, sia del chiamante che del chiamato.
Inoltre, siamo in presenza di un vivavoce molto buono, che ci permette un utilizzo anche in auto senza troppi problemi, quasi a livello di un communicator.
Anche le suonerie, personalizzabili a piacere come in qualsiasi symbian, squillano ad alto volume e la vibrazione è ben avvertibile.
Non sono presenti fotocamere sul Nokia E61, ma è comunque un telefono UMTS, il che prevede che possa fare e ricevere videochiamate.
Ovviamente, il vostro interlocutore non vedrà nulla, se non un’immagine scelta da voi.

Per quanto riguarda la fase messaggistica, ci soffermeremo sulla parte e-mail, visto che è un po’ l’anima di questo telefono e visto che su sms e mms non c’è nulla di nuovo rispetto ai classici symbian, se non la possibilità di visualizzare l’anteprima di un messaggio su due righe, piuttosto che su una singola.
Abbiamo configurato 3 account mail senza il minimo problema, sia POP che IMAP.
Purtroppo, nonostante l’anima del telefono, le mail in formato HTML non vengono visualizzate al meglio, ma solamente in formato testuale, al contrario del client di posta della serie communicator.
Peccato perché, invece di usare il solito client, si sarebbe potuto fare uno sforzo in più in questo senso.
Comunque, la comodità in fatto di mail sta tutta nella possibilità di creare dei gruppi di connessioni con imap diversi, in modo tale che il telefono cerchi la connettività migliore in un determinato momento e che invii le mail senza problemi di configurazioni della posta in uscita.
E’ presente anche il supporto per mail push e per il server exchange, ma, non avendo account di questo genere, non ci è stato possibile provarne il funzionamento.
Scrivere con la tastiera QWERTY è comodo a patto che lo si faccia a due mani.
Se, per qualsivoglia motivo, ne abbiamo a disposizione solamente una, la larghezza del telefono fa si che con i pollice sia difficile arrivare a premere i giusti pulsanti.
A questo proposito, abbiamo trovato più comoda la tastiera di un treo 650, con i suoi tasti ravvicinati ma dal feedback di pressione preciso.
Comodo il tasto dedicato alla mail che ci porta direttamente al nostro account preferito, così come il led che ci segnala la presenza di nuova posta.
Certo, si poteva fare uno sforzo in più e inserire anche un led di stato.
La connettività è di facile configurazione, gli accessi per il gestore in uso vengono creati automaticamente, mentre la gestione delle wireless lan è intuitiva e non c’è bisogno di accendere o meno il wi-fi, che si attiva quando ce n’è bisogno (o a intervalli regolari se abbiamo scelto l’opzione di scansione regolare degli access point).
Anche la connettività a reti che non assegnano in automatico IP e DNS o con protezione WPA è avvenuta senza problemi di sorta.
L’unica perplessità è stata raccolta utilizzando la connessione UMTS di Vodafone, che ci è parsa meno performante del solito e con numerosi timeout di connessione.
Testata in momenti e luoghi differenti, ci ha dato gli stessi problemi.
Abbiamo provato con una sim Tim e gli stessi non sono stati riscontrati, probabilmente le nostre difficoltà consistevano esclusivamente in intoppi temporanei della rete Vodafone.

Il browser web del Nokia E61 è il medesimo implementato negli ultimi symbian serie 60 release 3, ottimo: permette lo zooming della pagina e consente di aprire quasi tutti i siti, compresi quelli protetti.
Purtroppo, eredita anche alcuni bug o limiti: caricando più pagine pesanti, il browser fatica e a volte esce dal programma senza motivo (provato a ricaricare 3 volte una pagina da 1 mega; al terzo refresh si impalla inesorabilmente).
Per quanto riguarda la visualizzazione, questa soffre comunque di un display a risoluzione standard, per cui, a differenza del Nokia E60 che, pur con un display più piccolo, riusciva a visualizzare quasi tutta la pagina contemporaneamente, qui bisogna far ampio uso dello scroll.
Ottima soluzione alternativa (e qui se ne sente la necessità più che sugli E60 e N80) opera 8.60.
Ha la possibilità del multipagina, della formattazione su una sola colonna e dello zooming della schermata.
Funziona benissimo sul Nokia E61, un passo avanti che annulla tutti i limiti del browser di serie.
Nokia ci regala, in bundle con questo telefono, alcuni programmi utili e interessanti.
Primo tra tutti WorldMate, che ci permette di sapere il tempo, il cambio, il fuso orario di tutto il mondo, in versione completa e con aggiornamenti garantiti per 3 anni.
Poi troviamo installati di serie in versione completa uno Zip manager, il gioco del golf (notevole, anche graficamente) e, come dicevamo prima, il programma Mail for exchange, utile per dialogare con server exchange.
Ci soffermeremo su rubrica e agenda, giusto per dire che sono le solite, complete, affidabili e comode, pari a tutti i symbian.
Anche qui, le dimensioni del display sono sfruttate per usare caratteri enormi e non per far stare più informazioni nella stessa schermata.

Come sull’E60, anche qui troviamo installati nativamente i programmi per visualizzare e modificare file office, siano essi presentazioni, fogli excel o documenti word.
I programmi funzionano bene a patto che non si vadano ad aprire documenti o fogli excel troppo complicati.
Abbiamo provato ad aprire un file excel di 1 mb, tutto di formule, e il telefono non ce l’ha fatta.
Nessun problema invece con presentazioni ricche di immagini, anche da 2 Megabyte.
Il Nokia E61 è comunque uno strumento comodo per leggere ed, eventualmente modificare, allegati che riceviamo in mail.
Presente anche il programma che, se interfacciamo il telefono ad un ricevitore GPS, ci permette una navigazione puntuale (non cartografica), conoscendo le coordinate geografiche di partenza e destinazione, oltre a darci una serie di informazioni sul tempo di viaggio, velocità istantanea e media.
Il Nokia E61, come tutti i symbian, è ampiamente personalizzabile, sebbene Nokia ci lasci un solo tema di serie, quello classico.
D’accordo, è un terminale business, ma a chi non piaceranno i colori di base, non rimarrà altro che attendere l’uscita di temi compatibili con questo terminale.
Se aggiungiamo il fatto che lo sfondo in stand by non prende tutto il display (rimane una cornice attorno alla foto scelta), ne risulta che questo telefono non va bene per chi è amante di questo tipo di personalizzazioni.
La multimedialità del telefono è limitata dal fatto che non è presente la fotocamera.
Quindi niente foto e niente video. Li possiamo solamente visualizzare.
L’interfaccia delle immagini è gradevole, e beneficia dell’ampio display che abbiamo a disposizione; veloce, il passaggio tra le diverse fotografie presenti.
Anche i video vengono riprodotti in maniera fluida e, grazie a real player, anche lo streaming video non è un problema.
Il lettore multimediale audio è lo stesso degli altri symbian, per cui ben fatto.
I suoni vengono ben riprodotti anche dall’altoparlante interno mentre bisognerà procurarsi un paio di cuffie stereo se lo vorremo utilizzare come player musicale, cosa possibilissima vista al presenza dell’espansione di memoria.
Riguardo a quest’ultima, sul Nokia E61 troviamo a bordo 75 Mb di memoria espandibili con schede mini Sd (ricordiamo che in dotazione ne troviamo una da 64 mb), sulle quali è possibile installare applicazioni o immagazzinare dati.
Ottime notizie dal fronte batteria: è la stessa del nokia 9500 communicator, quindi una ad alta capacità.
Il telefono è stato stressato in maniera pesante per 2 giorni, con un utilizzo quasi ininterrotto di tutte le sue funzioni per testarne le funzionalità, e numerose connessioni al web via umts e wi-fi.
Beh, non siamo riusciti a scaricare completamente la batteria.
Con un uso stabilizzato, pensiamo si riescano a raggiungere i 3 giorni di autonomia, un record per i telefoni UMTS di ultima generazione, considerato anche l’ampio display di cui è dotato.

Immagini Nokia E61

Tutte

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata Plug in
Supporta dual sim
Capacità (mAh) 1500
Tipo di batteria Litio
Ricarica wireless
RAM
Memoria interna 75 MB
Memoria esterna Mini SD
Chipset
Reti supportate GPRS,EDGE,UMTS
Schermo pieghevole
Interfaccia utente 60
Sistema Operativo Symbian 9.1 (3rd Edition)
NFC
HDMI
Infrarossi
WiFi WiFi 3
USB
Bluetooth

Foto e video

Raw
Risoluzione massima
Stabilizzatore
Zoom
* specifiche per sensore

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Riconoscimento iride