Alcune indiscrezioni provenienti dalla Cina affermano che Xiaomi sarà la prima azienda a rivelare uno smartphone con ricarica ultraveloce da 100W.

Xiaomi: 100W per un telefono

Nel marzo del 2018, Xiaomi ha stupito il suo pubblico dimostrando la tecnologia di ricarica rapida Super Charge Turbo da 100W, in grado di caricare una batteria da 4000 mAh in soli 17 minuti. Oltre a questa dimostrazione, tuttavia la società non si è spinta oltre e la funzione, fino ad ora, non è stata applicata a nessuno dei suoi device.

Tutto però dovrebbe cambiare molto presto, dato che i media cinesi sono convinti che Xiaomi sia vicina a presentare uno smartphone dotato della Super Charge Turbo da 100 W. In realtà, in molti già suppongono che il prossimo smartphone di punta di Xiaomi monterà la suddetta Super Charge Turbo, vale a dire il Mi Mix 4. Lo smartphone potrebbe essere presentato nell’agosto di quest’anno, ma queste sono solo rumor che necessitano di conferma.

Inoltre, il famoso leaker cinese Digital Chat Station sul social network Weibo ha riportato alcuni nuovi dettagli sul SoC Qualcomm Snapdragon 875 e sui prossimi smartphone da gioco che si baseranno su di esso. Secondo lui, una delle caratteristiche principali del chip sarà il supporto per la ricarica rapida con una capacità di circa 100W. Attualmente, tre produttori su quattro di game phone in Cina stanno testando e cercando di implementare tecnologie di ricarica con una potenza di 100W: quindi, gli smartphone da gioco di prossima generazione che usciranno nel 2021 useranno batterie ad alta capacità e tecnologie di ricarica molto veloci e di circa 100 watt.

Alla fine dei conti, possiamo affermare che Xiaomi ha abbastanza capacità e risorse per offrire la prima ricarica rapida da 100W del settore. Sarà, tuttavia, interessante vedere come l’azienda risolverà il problema della sicurezza e della dissipazione del calore, oltre a capire quanto velocemente la nuova tecnologia rovinerà la batteria dello smartphone.

Ciò che ci sentiamo di dire, però, è che se la tecnologia verrà realmente installata sugli smartphone, potrebbe cambiare le nostre abitudini di ricarica.

Fonte:Gizchina