Xiaomi sarebbe pronto a fare la differenza e mettere in difficoltà i suoi concorrenti: un video condiviso da Lin Bin – CEO e co-fondatore dell’azienda cinese – mostra in un video il prototipo di uno smartphone che implementa il sensore di impronte digitali sotto il display che un po’ tutti stavamo aspettando.

Xiaomi: più spazio al fingerprint

Con questa innovazione che bolle nella pentola asiatica, l’utente con un solo tocco – su un’ampia porzione del display – potrà sbloccare il telefono. La clip mostra, in particolare, un telefono simile ad uno Xiaomi Mi 8, ma dotato della nuova tecnologia di impronta digitale: lo sblocco del device non si effettua sempre nello stesso punto ma in zone differenti dello schermo. L’area in cui la funzione si attiva corrisponderebbe sarebbe ad un rettangolo di 5×2.5 cm.

La velocità di sblocco porta a supporre che la società cinese sarebbe pronta a lanciare l’innovativo scanner di impronte sui prossimi cellulari: da quanto si evince, lo sblocco sarebbe possibile anche senza guardare lo schermo.

Lo smartphone, per ora solo in prototipo, non lascia alcun dubbio sulla volontà di Xiaomi di prendere in contropiede la concorrenza e stupire gli utenti. Principalmente noto per offrire device di alto livello a prezzi bassi e attuare un marketing aggressivo, la società asiatica sta, anche con questa tecnologia, raggiungendo i concorrenti più forti.

Dell’azienda cinese, fondata nel 2010 da Lei Jun e Bin Lin, solo pochi giorni fa è stato mostrato un video con un device con display pieghevole. Anche se resta il dubbio che sia una clip fake – è stata pubblicata dal noto leaker Evan Blass -, il telefono mostrato ha uno schermo flessibile che, piegato in due punti differenti, riduce ad 1/3 la sua grandezza: la maggior parte delle aziende produttrici di device mobili – come Samsung con il suo imminente Galaxy X – ha già iniziato a considerare il lancio sul mercato di uno smartphone pieghevole e Xiaomi potrebbe inserirsi facilmente in questa corrente.

Fonte: GSMArena