Xiaomi Corporation ha reso noti oggi i risultati commerciali consolidati certificati raggiungi nel 2018. Un anno in cui si è consolidato il successo del produttore cinese che, nonostante l’agguerrita competizione dei colleghi nazionali e internazionali, ha conquistato nuove fette di mercato, chiudendo l’anno con un fatturato del Gruppo di circa 174,9 miliardi di RMB (circa 23 miliardi di euro), con un incremento del +52,6% rispetto all’anno precedente.

Xiaomi a livello globale

A crescere esponenzialmente è stato soprattutto il fatturato internazionale, che è arrivato a rappresentare il 40% del fatturato totale, segno che Xiaomi sta iniziando a riscuotere grande successo anche a livello globale, oltre che nel proprio Paese. Sui mercati internazionali, infatti, il produttore cinese di smartphone è cresciuto del +118,1% su base annua, raggiungendo i 70,0 miliardi di RMB (circa 9,2 miliardi di euro). Una forte espansione si registra in particolare in Europa e India.

L’utile lordo è stato di 22.191,9 milioni di RMB (circa 3 milioni di euro), con un incremento del +46,4% rispetto all’anno precedente. L’utile netto per l’anno 2018 è stato di circa 13,478 miliardi di RMB (circa 1,76 miliardi di euro), mentre l’utile netto rettificato (Non-IFRS Measure) è cresciuto del +59,5% rispetto all’anno precedente, raggiungendo gli 8,6 miliardi di RMB (circa 1,13 miliardi di euro), con un incremento del +5% rispetto all’anno precedente. L’utile per azione è pari a 0,843 RMB (circa 0,11 euro).

Xiaomi smartphone

Il segmento degli smartphone di Xiaomi ha registrato ricavi pari a circa 113,8 miliardi di RMB (circa 15 miliardi di euro), in aumento del +41,3% su base annua, principalmente a fronte del notevole aumento del volume delle vendite degli smartphone e del prezzo medio di vendita. Rispetto al calo del -4,1% annuo delle spedizioni nel mercato globale degli smartphone, segnalato da IDC, le spedizioni di smartphone di Xiaomi hanno raggiunto 118,7 milioni di unità, con un incremento del +29,8% rispetto al l’anno scorso.

Per i propri smartphone, Xiaomi ha adottato una strategia multi-marca con l’obiettivo di servire diversi gruppi di utenti in modo più efficace e di espandere ulteriormente la base di utenti:

  • Xiaomi e Redmi sono diventati marchi indipendenti dal gennaio 2019. Il marchio Xiaomi si concentrerà su tecnologie avanzate pionieristiche, affermandosi nei mercati di fascia medio-alta e costruendo online e nuovi canali di vendita al dettaglio offline. Il marchio Redmi perseguirà il miglior rapporto qualità-prezzo e si concentrerà sui canali online;
  • i marchi Black Shark, Meitu e POCO si rivolgeranno rispettivamente agli utenti di giochi, alle donne e agli appassionati di tecnologia.

E per il futuro, Xiaomi continuerà a rafforzare le sue capacità in materia di innovazione, controllo della qualità e gestione della catena di approvvigionamento. In più, con l’imminente arrivo del 5G nel 2019, il Gruppo continuerà a investire nello sviluppo della sua piattaforma AIoT aperta.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum