Secondo quanto si evince da alcuni documenti riservati appena trapelati in rete, sembra che Sony odiasse davvero il crossplay su PlayStation 4. Di fatto, pare anche che Epic Games stesse cercando di costringere l'azienda nipponica a cambiare idea in merito.

Sony e Epic Games hanno discusso a lungo sul crossplay

Non è un segreto che Sony abbia trattenuto per anni il gioco multipiattaforma su PlayStation 4, ma nuovi documenti riservati ed e-mail rivelano quanto Sony fosse contraria a consentire alle persone di giocare agli stessi giochi con i propri amici su altre piattaforme. L'azienda inizialmente ha bloccato il gioco multipiattaforma sia per Rocket League che per Minecraft, nonostante Nintendo e Microsoft consentissero entrambi ai giocatori di giocare sia da Xbox che da Switch. Il problema è davvero esploso quando Sony ha bloccato il crossplay di Fortnite nel 2018 e i giocatori hanno riempito i forum e l'azienda di email e di lamentele. Ora sembra che Sony possa aver resistito per compensare potenziali perdite di entrate.

Nei mesi precedenti la decisione di Sony di bloccare il crossplay di Fortnite nel 2018, Epic Games aveva implorato Sony di abilitare il crossplay; questo è quanto si evince dalle email uscite fuori durante il caso della compagnia francese contro Apple che si sta svolgendo in questi giorni.

Non riesco a pensare a uno scenario in cui Epic non ottiene ciò che vogliamo: questa possibilità è andata fuori gioco quando Fortnite è diventato il più grande gioco su PlayStation“, ha affermato Joe Kreiner, vice presidente dello sviluppo aziendale di Epic.

Kreiner ha proposto: “Annunciamo il crossplay insieme a Sony. Epic fa di tutto per far sembrare Sony degli eroi “. Epic si è persino offerta di marchiare la sua presenza all'E3 con PlayStation o di aggiungere personaggi unici, in esclusiva per gli abbonati a PS Plus, per addolcire l'affare. “Facciamo in modo che questa sia una grande vittoria per tutti noi. Epic non sta cambiando idea sulla questione, quindi mettiamoci d'accordo ora “, ha detto Kreiner.

Sony non era d'accordo.

Gio Corsi, all'epoca direttore senior delle relazioni con gli sviluppatori di Sony, ha respinto l'idea del crossplay, osservando che “il gioco multipiattaforma non è una schiacciata a prescindere dalle dimensioni del titolo” – un chiaro riferimento alla flessione di Epic sul dominio di Fortnite su Stazione di gioco. “Come sapete, molte aziende stanno esplorando questa idea e nessuna può spiegare come il gioco cross-console migliori il business di PlayStation“, ha detto Corsi.

Ma a partire dall'agosto 2019, sembrava che Sony avesse  trovato un argomento interessante: un modo per sottrarre denaro ai suoi concorrenti in cambio dell'accesso ai giocatori PlayStation.

La corrispondenza e-mail non rivela dove sia finito il problema, ma un documento intitolato “politica, requisiti e processo multipiattaforma” dell'agosto 2019 (dopo il cambiamento di Sony) rivela come l'azienda potrebbe ora avvicinarsi al crossplay: un reddito multipiattaforma share, costringendo gli editori a pagare una royalty a Sony ogni volta che i giocatori PlayStation contribuiscono più di una certa percentuale al risultato finale di un gioco multipiattaforma, per “compensare la riduzione delle entrate“.

Il CEO di Epic Games Tim Sweeney ha confermato oggi in una testimonianza che Sony è l'unico proprietario della piattaforma che richiede questo compenso per il crossplay. “In determinate circostanze Epic dovrà pagare entrate aggiuntive a Sony“, ha affermato Sweeney. “Se qualcuno stesse giocando principalmente su PlayStation, ma pagasse su iPhone, questo potrebbe attivare un risarcimento.” Sweeney ha anche rivelato che Epic ha dovuto accettare di pagare queste commissioni aggiuntive a Sony per abilitare il crossplay in Fortnite.

Sony stabilisce inoltre nella politica che gli editori non possono trasferire valuta virtuale da o verso PlayStation e che deve essere presente un'impostazione per disabilitare tutte le interazioni multipiattaforma.

Potrebbero esserci stati altri buoni motivi per cui Sony ha smesso di bloccare anche il crossplay: tre mesi dopo le e-mail di Epic Games, Sony ha dovuto affrontare un contraccolpo quando ha bloccato il crossplay di Fortnite e alla fine ha fatto marcia indietro alla fine del 2018, con una nuova modifica della politica per abilitare il gioco multipiattaforma in alcuni titoli.

Fonte:The Verge