SonicWALL ha presentato la nuova generazione di soluzioni CDP (Continuous Data Protection). Realizzata con un’architettura completamente nuova, SonicWALL CDP 6.0 salvaguarda e protegge in modo automatico il patrimonio di dati aziendali dalla perdita causata da guasti a livello di file, dispositivo e ubicazione. Grazie al supporto di Windows®, Linux® e Mac OS®, CDP offre controlli granulari di policy implementate a livello globale su tutta l’attività di backup. CDP 6.0 supporta applicazioni Microsoft quali server SQL, Exchange e SharePoint, Active Directory e Small Business. Grazie alla sua straordinaria flessibilità, gli amministratori IT possono decidere quali siano le informazioni di cui effettuare il backup, quali da escludere e la modalità di mantenimento delle informazioni per soddisfare i requisiti di recovery e conformità. 
“Per SonicWALL è chiara l’importanza che rivestono il backup e la sicurezza dei dati. CDP 6.0 mette a nostra disposizione tecniche molto sofisticate di backup e disaster recovery necessarie per ottimizzare lo storage e il backup dei dati e l’utilizzo della larghezza di banda,” ha dichiarato Kimberly Yatchak, Systems Administrator di Kent Beverage Company. “Con SonicWALL CDP siamo sicuri che i nostri dati sono protetti, senza dover essere costretti ad occuparci dei backup: e questo è impagabile.”
"Con l’introduzione di CDP 6.0 e la sua integrazione nella piattaforma GMS (Global Management System) di SonicWALL, possiamo contare su accesso remoto, backup distribuito, reporting centralizzato e monitoraggio, senza la necessità di link VPN site-to-site," ha affermato Christopher Brisley, managing director di Xperta. "In qualità di fornitore di servizi gestiti, Xperta potrà trarre un grande beneficio da questa combinazione di prodotti. Non solo è una soluzione unica fra quelle presenti sul mercato, ma migliora notevolmente la nostra attività e semplifica i nostri processi di gestione. Infatti, per quanto riguarda la produzione di report di gestione realizzati con CDP 6.0, possiamo anticipare una riduzione pari all’80-90% delle ore-uomo."

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum