L’azienda Fortsense ha escogitato un modo per posizionare il sensore delle impronte digitali sotto lo schermo LCD.

160 brevetti per scanner su LCD

Nel tempo, per fare spazio a schermi sempre più grandi, lo scanner di impronte digitali si è spostato sotto il display. L’avvertenza è stata, sino ad ora, quella di posizionarlo solo sotto i pannelli OLED dato che solo questo tipo di schermo può consentire il passaggio della luce e completare la scansione.

Slacciandosi da questa soluzione, la società cinese Fortsense ha escogitato un modo per posizionare lo scanner sotto lo schermo LCD e si aspetta che i produttori di smartphone adottino questa tecnologia entro la fine dell’anno.

Secondo le foto trapelate su Twitter, Fortsense avrebbe concepito un modo per far passare la luce attraverso il display LCD e consentire allo scanner ottico di leggere l’impronta digitale reale. Tutto questo attraverso una membrana specifica, posizionata tra gli strati dello schermo: in questo modo, in buona sostanza, il sensore dovrebbe essere capace di “leggere” un dito posizionato in 160 modi diversi.

Trovare un modo per posizionare lo scanner di impronte digitali sotto lo schermo LCD potrebbe fare la differenza per quegli smartphone di fascia bassa e media, che si affidano ancora prevalentemente a questo tipo di pannelli.

 

Uno dei primi produttori a utilizzare questa soluzione potrebbe essere Xiaomi: secondo il direttore di prodotto della società cinese, Wang Teng, l’azienda adotterà l’innovativa tecnologia ideata da Fortsense il prossimo anno e per un dispositivo inferiore ai 2000 yuan (circa 297$).

Le impronte digitali dello schermo LCD sono realizzabili tecnicamente, ma quest’anno probabilmente sarà difficile implementare questa tecnologia in un prodotto specifico. La data più probabile potrebbe essere la fine dell’anno o probabilmente il 2020

Fortsense, nella sua innovativa tecnologia, si serve di un approccio assistito da algoritmi, sfruttando gli ultimi sviluppi dell’algoritmo di rete neurale di apprendimento.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Gsmarena