I primi dispositivi pieghevoli sono appena stati ufficilizzati e di questi, attualmente, solo FlexPai di Royole è disponibile in vendita. Sembra però che Samsung stia già guardando al futuro, ben prima che il suo Fold arrivi in commercio: l’obiettivo è monopolizzare il settore degli smartphone pieghevoli con più modelli possibile. Per questo motivo, il colosso sud coreano starebbe lavorando ad altri due device.

Un pieghevole come Mate X

Nei progetti di Samsung ci sarebbero due modelli di smartphone pieghevole ben definiti. Il primo sarebbe molto simile all’appena presentato Huawei Mate X: il terminale avrebbe dunque un’apertura verso l’esterno del display, che di fatto non sarebbe mai nascosto quando il device è chiuso.

Il secondo modello andrebbe invece a fare concorrenza ad un ipotetico Moto Razr 2019 perché sarebbe proprio uno smartphone a conchiglia (che Samsung già produce, ma non per il mercato europeo) equipaggiato però con un display flessibile. Probabilmente, questo genere di form factor potrebbe essere fra i più interessanti, poiché il risultato finale sarebbe uno smartphone di piccole dimensioni, che una volta aperto restituirebbe un ampio schermo. Inoltre, il progetto prevederebbe di inserire un secondo display esterno, che permetterebbe di interagire con il terminale anche quando è chiuso.

Siamo abbastanza certi che anche altri produttori, come Samsung, stiano lavorando su nuovi smartphone pieghevoli e su tecnologie per migliorarli: il punto più debole in assoluto di questo nuovo genere di device è la protezione dello schermo. Ad oggi, solo la plastica è in grado di offrire il giusto punto di curvatura, ma si tratta di un materiale ben più delicato del vetro, che tende a rovinarsi e mostrare segni evidenti dovuti all’usura.

La protezione di Samsung dovrebbe evidenziare la linea lungo la quale il Fold viene piegato dopo le prime 10.000 sollecitazioni: potrebbero sembrare tante, ma considerando una media di 20 aperture/chiusure del device al giorno (quindi 40 sollecitazioni) potrebbe servire meno di un anno prima che i segni di usura siano parecchio evidenti.

A questo proposito, Corning sembra essere a lavoro per realizzare il primo Gorilla Glass per schermi flessibili: quando la protezione in vetro per questo genere di display sarà disponibile, il settore dei foldable farà un ulteriore passo in avanti.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Bloomberg