Motorola RAZR 2019 potrebbe essere una doppia sfida per Lenovo: il lancio del primo pieghevole del brand ed il rilancio di una lineup di smartphone molto apprezzata in passato. Leak su un RAZR pieghevole circolano ormai da parecchio tempo, sembra però che quest’anno sia quello designato per l’arrivo dello smartphone. Un brevetto mostra come potrebbe essere, riprendendo sotto molti aspetti un video concept pubblicato lo scorso anno.

Motorola RAZR 2019: due schermi

Il brevetto depositato da Lenovo riguarderebbe uno smartphone Motorola del quale non è specificato il modello commerciale, com’è normale che sia in questi casi, ma il suo design ricorda fortemente quello del classico RAZR, con la nota di modernità che tutti ormai ci aspettiamo: un display flessibile.

Lo smartphone dall’esterno assomiglia a quello che conosciamo, ma sembra un pochino più “tozzo” (probabilmente per rispettare il rapporto d’aspetto dello schermo) e pare esserci un secondo display, proprio come in passato. Una volta aperto, il pannello pieghevole si estenderebbe per la maggior parte della superficie, ma non tutta: i bordi ci sono comunque.

Nel video concept il bordo inferiore sembra essere touchscreen, nel brevetto invece no. Fotocamere e biometria sembrano portare nuovamente al’esterno: ci sono due spazi rotondi, uno di questi sicuramente ospieterà il logo, allinterno dei quali si può pensare che siano alloggiati fotocamera e lettore d’impronte digitali.

Per tutto il resto, il documento non regala altre informazioni. Stando a quanto descritto recentemente dal Wall Street Journal, che ha raccontato di un report secondo il quale un Motorola RAZR sarebbe nei piani di Lenovo per il 2019, il prezzo dello smartphone non sarebbe inferiore ai 1500$, Può sembrare elevato, ma non c’è da stupirsi: il costo dei device pieghevoli dovrebbe aggirarsi in una fascia che va dai 1500$ ai 3000$. Il video che segue è il concept pubblicato lo scorso anno, potrebbe esservi utile per avere un’idea di come potrebbe essere il device.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: Gizmochina