Il sistema operativo Android 3.0 Honeycomb potrà essere utilizzato solo su dispositivi che soddisfino una serie di requisiti minimi hardware. A dichiararlo è stato Bobby Cha, amministratore delegato della società coreana di elettronica di consumo Enspert.
In primis, pare che i processori debbano essere almeno dual core, come ad esempio il Tegra 2 di Nvidia e la risoluzione del display di 1280 x 720 pixel.
Se queste inoformazioni corrispondessero a realtà, Google protrebbe avere inizialmente due versioni parallele di sistemi operativi per tablet. Ad esempio il Galaxy Tab di Samsung, avendo processore Cortex A8 e risoluzione di 1020×600 potrebbe essere aggiornato fino alla versione 2.3 di Android ma non alla 3.0.
Non resta che attendere che il CES di Las Vegas apra ufficialmente i battenti per poter vedere tutti i nuovi tablet che verranno presentati ufficialmente da tanti produttori.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum