Una settimana dopo aver segnalato il problema sui Pixel 2 da parte dei colleghi di Androidpolice, Google ha finalmente reagito, rimuovendo dalla sua app Google Sfondi lo sfondo che provocava blocchi.

Bug su Pixel 2: Google interviene

Alcuni giorni fa, avevamo segnalato le lamentele di svariati utenti di Pixel 2 che riscontravano dei blocchi improvvisi dei loro smartphone dopo l’utilizzo di Google Sfondi. A sette giorni dalle lamentele dei possessori dei dispositivi di big G – messe alla ribalta da Androidpolice – pare che il colosso si sia messo seriamente al lavoro per risolvere il problema.

Infatti, Google ha dichiarato – come leggerete dalla citazione di seguito – di aver rimosso lo sfondo colpevole dei blocchi dalla sua app Google Sfondi. L’affermazione è stata fatta sull’Issue Tracker corrispondente e la compagnia di Mountain View ha anche affermato che sta lavorando ad una soluzione preventiva per il prossimo aggiornamento di Android.

Ciao Team Pixel,

Grazie per aver dedicato del tempo per segnalare questo problema. Abbiamo rimosso lo sfondo in questione dall’app e implementeremo una correzione preventiva in una futura versione di Android.

Pixel Community Team

Consapevoli che presto mamma Google risolverà l’annoso problema, facciamo un passo indietro per capire cosa è successo. In buona sostanza, alcune immagini disponibili tramite l’app Google Sfondi mandavano in blocco i Pixel 2, provocandone in alcuni casi l’arresto. Successivamente il telefono si riavviava in modalità di ripristino, accompagnato da un messaggio in cui veniva riferito che i dati sul device potevano essere stati persi. Purtroppo, anche il riavvio in modalità di ripristino non era utile, quindi l’unica soluzione che gli utenti avevano era il ripristino di fabbrica, con la conseguente perdita di dati.

Fortunatamente adesso, grazie all’intervento di Google, il problema che ha attanagliato per diverso tempo i possessori di Pixel 2 verrà – speriamo al più presto – risolto.

Le migliori offerte di oggi per Google Pixel 2: tutti i prezzi

Fonte:issuetracker