La produzione di iPhone di Apple potrebbe incontrare grossi problemi a causa dell’attuale carenza globale di chip. Questo è quanto emerge da un recente rapporto trapelato in rete nelle scorse ore.

La carenza di chipset incide anche sugli iPhone di Apple

Sappiamo che la serie iPhone 12 è diventata piuttosto popolare e il dispositivo è molto richiesto. Questo ha aiutato il gigante di Cupertino a diventare il principale fornitore di smartphone al mondo lo scorso anno. Tuttavia, il gigante sudcoreano ha ora riguadagnato il primo posto a livello globale, spingendo Apple al secondo posto nel primo trimestre del 2021.

Ora, un nuovo rapporto afferma che il produttore a contratto di Apple Foxconn ha affermato che le spedizioni per i dispositivi potrebbero essere ridotte del 10% a causa della carenza globale di chipset in corso. Ma il presidente di Foxconn, Liu Yangwei, ha dichiarato che la società è “cautamente ottimista” sulle prospettive per il resto dell’anno.

Per coloro che non lo sanno, Foxconn è responsabile dell’assemblaggio dei modelli di iPhone per Apple. Nella dichiarazione, la società non ha menzionato mai menzionato il colosso di Cupertino, ma sappiamo che questo è il più grande cliente dell’intera azienda. Non di meno, la compagnia ha dichiarato di “avere un impatto piuttosto limitato sugli ordini ricevuti molto tempo fa“.

Foxconn prevede che la carenza continuerà nel secondo trimestre del 2022. Sebbene le risorse di Apple siano migliori di quelle di altre compagnie afflitte da carenza di chip, anche l’OEM americano potrebbe affrontare grossi guai se i problemi legati alla scarsità di silicio dovessero persistere. Ovvio che non ci saranno danni come quelli registrati da Huawei, ma risulterebbe comunque un duro colpo per l’intera filiera produttiva.

Nelle notizie correlate, il fornitore Wistron ha ripreso la produzione di iPhone nella sua fabbrica situata in India.

Fonte:Gizmochina