Che il futuro prossimo della telefonia fosse touchscreen non è una novità; una conferma arriva in tal senso dall’ABI, che ha effettivamente certificato come la "tecnologia del contatto" stia riscontrando un favore sempre maggiore nel pubblico, un favore, che per il 2009, si dovrebbe tradurre in introiti per oltre 5 miliardi di dollari.
La stessa  ricerca offre però degli spunti a sorpresa per quello che riguarda le percentuali con cui i vari vendor si dividono questo ghiotto mercato; chi infatti si aspetterebbe ai vertici delle classifica i due padri del touchscreen, Apple con il suo iPhone ed HTC, dovrà ricredersi perchè le prime due piazze sono occupate da Samsung e Motorola, rispettivamente con quote di mercato del 33% e 30%.
Un dato sorprendente, ma fino ad un certo punto, specie per Samsung; la farmer coreana infatti, operando all'interno di un mercato molto vivace e pieno di mille diversi linguaggi come l'Asia, ha dovuto gioco forza puntare su questo tipo di UI più flessibile con una clientela dagli idiomi più disparati.
Al terzo posto di questa classifica, con il 24% del mercato troviamo poi Sony Ericsson, seguita, solo al quarto posto da Apple con il 13%.
Grande assente, ma non è una sorpresa, Nokia; il leader del mercato mobile solo recentemente ha scoperto il mondo dei touchscreen, dove entrerà presto come protagonista grazie all'atteso Nokia Tube.