Le reti 5G stanno diventando piano piano una realtà. La prima rete mondiale di ultimissima generazione ha debuttato in Corea del Sud lo scorso mese. Qualche settimana dopo è stata lanciata, in Svizzera, la prima rete europea 5G e, insieme ad essa, i primi tre smartphone 5G del mercato europeo. Nonostante le perplessità di molti sui tempi di diffusione del 5G, Huawei sembra credere molto nelle sue potenzialità di sviluppo e ha rivelato che sta già pensando di produrre uno smartphone medio di gamma, quindi a prezzi accessibili per tutti, entro la fine del 2020.

Smartphone 5G: solo flagship

Si tratterebbe del primo smartphone economico a supportare la rete internet mobile ultra-veloce. Finora i produttori hanno previsto l’inserimento dei modem 5G solo nei device di fascia alta, facendo pagare peraltro questo tipo di device più del loro corrispettivo 4G. Lo stesso Huawei ha inserito questa caratteristica nei sui device di punta, come Huawei P30 Pro 5G e Huawei Mate 20 X 5G, che costa circa 800 euro. Attualmente, lo smartphone compatibile con il 5G più economico è lo Xiaomi Mi Mix 3 5G, che ha un prezzo di 599 euro nel mercato globale.

Nel 2020 il primo mid-range 5G

Secondo l’Executive di Huawei, Yang Chaobin, le rivoluzionarie reti 5G avranno uno sviluppo molto più rapido rispetto alle precedenti generazioni di Internet mobile. Chaobin fa infatti notare che lo sviluppo del 4G è stato più rapido del 3G e che, se il primo smartphone 4G ha impiegato 3 anni per essere lanciato sul mercato dopo lo sviluppo del 4G, guardando al 5G il primo smartphone 5G è già sul mercato dopo solo un anno sul mercato. Questo avvalorerebbe la previsione secondo la quale il supporto per le reti di ultima generazione non dovrebbe tardare ad arrivare anche per i dispositivi più economici. Secondo Chaobin bisognerà attendere fino alla fine del prossimo anno, quando primi smartphone 5G midrange a prezzi accessibili arriveranno sugli scaffali dei negozi di tutto il mondo.

Commenti
Commenti
    Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti.
    Per commentare e partecipare alla discussione come utente registrato visita il forum
    Fonte: CNMO