Secondo quanto riferito, Huawei lancerà le nuovissime FreeBuds 4, il Watch 3 e diversi altri gadget il mese prossimo. Come avrete capito, si tratta dell'ennesimo ritardo da parte della compagnia. Il gigante tecnologico cinese Huawei ha attraversato tempi difficili visto che sta affrontando numerose sanzioni da parte degli Stati Uniti le quali rendono quasi impossibile per l'azienda competere nel mercato della telefonia mobile.

Huawei: i nuovi gadget in arrivo il 19 maggio?

Nonostante i problemi, l'OEM cinese continua a ritardare il debutto dei nuovi prodotti. In linea con ciò, la società sarebbe pronta a ospitare un evento di lancio il mese prossimo, molto probabilmente il 19 maggio.

Nel corso dello show, Huawei dovrebbe presentare i suoi nuovi auricolari true wireless semi-in-ear denominati Freebuds 4. Si prevede che abbiano un design recentemente raffinato ed elegante e che offrano una potente riduzione del rumore e la durata della batteria .

Inoltre, ci sarà anche la serie di smartwatch Huawei Watch 3 che dovrebbe essere alimentata dal sistema operativo HarmonyOS (HongMeng in Cina) dell'azienda e da una nuova interfaccia utente. Si dice che il dispositivo abbia il supporto per eSIM e un potente mercato di app, ma dovremo aspettare il lancio per sapere con certezza di queste funzionalità.

È stato anche riferito che l'azienda starebbe lavorando ad un nuovo notebook di fascia alta da 16 pollici chiamato MateBook 16, ma al momento non sono note ulteriori informazioni su questo dispositivo. Resta anche da vedere se questo laptop verrà lanciato nello stesso evento.

Nonostante i problemi nel settore degli smartphone, la società non si arrende. Secondo quanto riferito, ha in programma di lanciare tre smartphone pieghevoli sul mercato in diverse fasce di prezzo.La società ha recentemente elencato gli smartphone Huawei Mate40 Pro 4G e Huawei Mate X2 4G sul suo sito Web in Cina.

Huawei ha registrato un calo di circa il 16,5% delle sue entrate nel primo trimestre di quest'anno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Ciò è dovuto principalmente alle sanzioni statunitensi che hanno costretto la società a rinnovare la sua strategia aziendale e vendere la sua controllata Honor lo scorso anno.

Fonte:Gizmochina