Il Green Pass è arrivato in Italia, il recente decreto firmato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi ha definito con chiarezza cos'è, a cosa serve e come ottenerlo. Inoltre dal 6 agosto la certificazione verde sarà necessaria per andare al ristorante, partecipare ad eventi pubblici, accedere alle strutture sanitarie ed effettuare spostamenti sul territorio nazionale e tra i paesi dell'Unione Europea.

Cos'è il Green Pass e chi può ottenerlo

Il Green Pass non è altro che un documento individuale rilasciato dal Ministero della Salute in formato cartaceo o digitale. La certificazione – rappresentata da un QR Code – è disponibile per i cittadini vaccinati, per chi esegue un tampone con esito negativo e per chi ha contratto il virus ed è guarito.

In particolare possono scaricare il Green Pass i cittadini vaccinati da almeno 15 giorni, con la prima ed unica dose Johnson & Johnson o con una o più dosi degli altri vaccini (AstraZeneca, Pfizer e Moderna). Chi è guarito dal Covid-19 può usufruire del Green Pass per i successivi 6 mesi, dopo i quali sarà necessaria la vaccinazione, mentre effettuando un test rapido o molecolare con riscontro negativo, si ha diritto al pass per sole 48 ore.

Come scaricare il Green Pass su iPhone e smartphone Android

Dopo la somministrazione del vaccino, l'esito negativo del tampone o la completa guarigione dal virus, il Green Pass viene generato automaticamente. Il cittadino viene informato della disponibilità del certificato tramite una email o un SMS, con tanto di codice di autenticazione (AUTHCODE) da utilizzare per scaricare il codice QR.

Per ottenere la certificazione e conservarla sul proprio smartphone –  sia esso un iPhone o un dispositivo Android – esistono diversi metodi molto semplici e di pari validità:

  • Sito “Digital Green Certificate”: Collegandosi al portale nazionale dgc.gov.it occorre accedere con la propria identità digitale (SPID o Cie) o inserendo il numero identificativo della Tessera Sanitaria o Carta di identità (in corso di validità). È possibile scaricare il QR Code in formato PDF, conservando il documento nella memoria interna del dispositivo.
  • Fascicolo Sanitario Regionale: Ogni regione gestisce in maniera autonoma le certificazioni sanitarie dei propri cittadini, il fascicolo sanitario elettronico è accessibile tramite il sito della propria regione di appartenenza o scaricando l'applicazione messa a disposizione dagli organi regionali competenti.
  • App IO e Immuni: La procedura più semplice per ottenere il Green Pass sul proprio smartphone è scaricando l'app IO o Immuni. Le due piattaforme richiedono l'accesso tramite identità digitale o numero di tessera sanitaria in corso di validità, una volta inseriti tutti i dati la certificazione verde sarà disponibile, nonché consultabile in qualsiasi momento.

green pass

IO è un servizio lanciato per consentire ai cittadini di interagire in modo semplice e sicuro con i servizi pubblici locali e nazionali, direttamente dallo smartphone. Al contrario, Immuni è stata ideata dal Ministero della Salute per monitorare l'esposizione dei cittadini al virus, sfruttando lo smartphone per tracciare gli spostamenti ed inviare una notifica in caso di un possibile contagio.

L'applicazione IO è disponibile per tutti i dispositivi dotati di Android 6.0 o versioni successive, mentre sui device Apple è necessario iOS 11 o superiore. Anche per l'app Immuni basta uno smartphone con Android 6, mentre per iOS è richiesta una versione più aggiornata, in particolare la 13.5.

Di conseguenza la maggior parte dei dispositivi in circolazione risulta compatibile con entrambe le applicazioni pubblicate dal governo, l'accesso al Green Pass via app è precluso ai possessori di smartphone molto meno recenti, come Samsung Galaxy S3, LG G2 e iPhone 4. Di seguito i link per scaricare le applicazioni e procedere all'attivazione del Green Pass.

Immuni – iOS

IO – iOS

Immuni – Android

IO –  Android

Quanto dura il Green Pass?

La validità del Green Pass dipende da diversi fattori. Per i cittadini che hanno ricevuto la prima ed unica dose di vaccino Johnson & Johnson, la certificazione ha una durata di 9 mesi e può essere scaricata a partire da 15 giorni dopo la somministrazione. Mentre per chi ha ricevuto la prima dose dei vaccini a dose multipla, il codice QR resta valido fino al giorno della seconda somministrazione, dopo la quale viene generato un secondo attestato.

Per i cittadini che hanno accesso al Green Pass grazie all'esito negativo di un tampone rapido o molecolare, la certificazione scade dopo 48 ore. Per chi invece è guarito dopo aver contratto il Covid-19, la certificazione ha una durata di 180 giorni (6 mesi) e viene generata il giorno seguente alla conferma di guarigione.