Se le mani è importante lavarle spesso, a poco potrebbe servire se poi venisse toccato nuovamente il proprio iPhone, ancora contaminato di batteri. Per questa ragione, seppur con la dovuta accortezza, è importante che il terminale venga igienizzato. Durante l’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di Coronavirus, è emerso un aumento, fisiologico, di richieste di informazioni su come poter sanificare il proprio device: per questo motivo, Apple ha aggiornato le sue linee guida sull’argomento, ammettendo – in alcuni casi – anche l’utilizzo di soluzioni alcoliche per detergere lo smartphone.

Apple: così si disinfetta un iPhone

Fino all’ultimo aggiornamento delle linee guida ufficiali (alle quali vi consigliamo di rifarvi prima di procedere alla detersione), era abbastanza chiaro che le soluzioni alcoliche non dovessero essere utilizzate per disinfettare lo smartphone, poiché la sostanza avrebbe potuto mettere a rischio il trattamento oleofobico presente su tutte le parti in vetro del terminale.

Con l’aggiornamento della guida alla pulizia di iPhone , che può valere anche per la maggior parte degli smartphone in commercio (tranne i pieghevoli, per ovvie ragioni), viene ammesso l’utilizzo di salviette e soluzioni alcoliche:

Va bene se utilizzo un disinfettante sul mio iPhone?
Utilizzando una salvietta con il 70% di alcol isoproprilico o salviette disinfettanti di marca Clorox, puoi pulire delicatamente le superfici esterne dell’iPhone. Non usare la candeggina. Evita che l’umidità penetri nelle aperture e non immergere l’iPhone in prodotti detergenti.

Tuttavia, fra le postille che riguardano i modelli più recenti di melafonino – ovvero quelli che hanno a bordo un trattamento oleofobico su tutte le parti in vetro – viene sottolineato che questo potrebbe comunque essere messo a rischio dall’utilizzo dei disinfettanti:

iPhone presenta un rivestimento oleorepellente a prova di impronte. Su iPhone 8 e successivi, il rivestimento si trova sulla parte anteriore e posteriore. Questo rivestimento si consuma con il tempo e con il normale utilizzo. I prodotti di pulizia e i materiali abrasivi consumano ulteriormente il rivestimento e potrebbero graffiare l’iPhone.

Naturalmente, come specificato, i trattamenti oleorepellenti sono comunque destinati a scomparire dai device, dopo un po’ che questi sono in uso. Tuttavia, se il vostro smartphone è appena stato acquistato, e non volete rinunciare alla protezione, potete sempre decidere di utilizzare cover e pellicola, dedicandovi alla loro pulizia. In alternativa, una salvietta in microfibra, bagnata con un po’ di acqua tiepdia e sapone (delicato) possono igienizzare lo smartphone, purché venga asciugato subito.

Fonte:Apple