Abbiamo testato la nuova versione del firmware basato su Android 5.1.1. E il Galaxy S6 ne esce meglio che mai.

Come il fratello Galaxy S6, il Galaxy S6 edge di Samsung fa un deciso passo in avanti per la cura riposta dai tecnici dell’azienda coreana nella sua progettazione e nella scelta dei materiali impiegati nella costruzione. La differenza principale tra i due prodotti è costituita ovviamente dallo schermo con doppia curvatura, a tutti gli effetti un dettaglio estetico più che un reale vantaggio in termini tecnici.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Abbiamo provato la variante a schermo curvo in occasione del rilascio della versione 5.1.1 di Android per questo terminale: si era fatto un gran parlare di problemi nella gestione della RAM con la release precedente, e abbiamo voluto valutare le prestazioni in questo senso del nuovo firmware.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

La confezione di vendita è identica per i due prodotti: cuffie in-ear con auricolari in silicone intercambiabili e cavo piatto, caricabatterie fast-charge e cavo USB-microUSB. Non manca lo spillino (pin) per accedere al vassoio per la nano-SIM.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Le diverse varianti di colore disponibili per il modello schermo curvo sono bianco perla, nero zaffiro (quella in prova: di fatto è blu), verde smeraldo e "gold platinum". Come nel caso della versione flat, in Italia sono distribuiti i tagli di memoria da 32 e 64 gigabyte.
Sul piano del concept non ci sono differenze significative tra Galaxy S6 e S6 edge: sempre vetro e metallo per la scocca, batteria integrata e fotocamera sporgente sul posteriore. I materiali sono gli stessi, alluminio e Gorilla Glass 4, dunque l’aspetto e il feeling del prodotto sono di fascia alta: l’unica differenza significativa è il già citato doppio bordo curvo per lo schermo, che si raccorda finemente con il profilo laterale e crea un effetto di spessore ridotto.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Numeri alla mano in realtà il Galaxy S6 edge è di due decimi di millimetro più spesso della versione flat: 7 millimetri contro 6,8, un’inezia, ma quando lo si impugna si ha l’impressione che sia più sottile della sua controparte. La presa è molto diversa da quella del telefono che vi abbiamo già mostrato nella nostra precedente videoprova, complice il disegno differente del profilo, e ciò impone anche di spostare il vassoio per la nano-SIM nella parte alta del terminale visto che né sul lato destro né su quello sinistro ci sarebe stato spazio.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

La dotazione hardware è identica: fotocamera posteriore da 16 megapixel e anteriore da 5, pulsante anteriore che integra un lettore di impronte, stesso altoparlante di sistema, stesso schermo QHD Super AMOLED da 5,1 pollici e stesso emettitore a infrarossi nella parte alta. Identico anche il processore, Exynos 7420, accompagnato sempre da 3GB di RAM DDR4 e dalla memoria a stato solido realizzata da Samsung: velocissima.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Analoga anche la connettività: supporto all’LTE Cat6 fino a 300Mbps, 13 bande supportate, WiFi dual-band, NFC, Bluetooth, GPS con Glonass e Beidou. Identici i sensori montati, che comprendono i soliti sospetti da acceleromentro a giroscopio e così via. Schermo curvo a parte, i due smartphone sono praticamente indistinguibili.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

La differenza principale tra la nostra prova del Galaxy S6 e questa del Galaxy S6 edge è la versione di Android su cui è basato il firmware: tra i primi prodotti in vendita con Lollipop, l’S6 ha scontato un po’ il fatto che la nuova versione del sistema operativo di Google fosse ancora acerba, subendo in particolare la modalità di gestione della memoria RAM. Nel corso della nostra esperienza col firmware precedente non avevamo rilevato rallentamenti significativi, ma abbiamo comunque voluto dare un’occhiata al risultato di questi mesi di sviluppo da parte dei tecnici coreani.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Il risultato è davvero ottimo: il Galaxy S6 edge col nuovo firmware ottiene punteggi più alti nei benchmark sintetici, più alti della media dei pur lusinghieri risultati pubblicati in questi mesi, segno che effettivamente si è lavorato in modo massiccio sull’ottimizzazione del prodotto e per risolvere eventuali bug della prima ora. Migliorata in modo significativo la gestione del lettore di impronte digitali, ora decisamente più affidabile, e nel complesso pur senza modifiche significative ci è parso che la interfaccia Touchwiz risulti ancor più reattiva. Non avevamo avuto particolari problemi con la gestione della memoria in precedenza, di sicuro non ne abbiamo avuto in questa circostanza.

La gestione della fotocamera non è cambiata: non c’è ancora traccia del supporto al formato RAW di cui si era parlato, anche se pare che alcune app scaricabili dal Play Store siano in grado di ottenere scatti in questo formato molto particolare

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Ci sono delle differenze in termini pratici da evidenziare, tutte legate allo schermo curvo. Tra le funzioni attivabili a partire dal bordo destro dello schermo vale la pena di segnalare "People Edge": è una sorta di scorciatoia per chiamare rapidamente o scrivere a cinque diversi contatti in rubrica, una sorta di "preferiti", ciascuno abbinato a un colore. Quando si riceve una chiamata da questi cinque il telefono si illumina del loro colore: se si tiene lo smartphone rovesciato con lo schermo appoggiato sul tavolo basterà un’occhiata al bagliore emesso dal bordo curvo per stabilire il colore e dunque chi sia a chiamarci. Bianco è un contatto qualsiasi, colorato fa riferimento ad un contatto importante: un familiare, un collega, il partner.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Le altre doti dello schermo curvo sono la possibilità di "strofinare" il bordo destro, come sul Note Edge, e richiamare un’interfaccia semplificata su cui leggere notifiche e notizie: niente di trascendentale, con l’unico principale vantaggio che non si deve accendere tutto lo schermo e dunque si risparmia qualche milliampere di corrente. Allo stesso modo si può attivare di notte una sorta di "sveglia" da tenere sul comodino con l’orario sempre visibile sul bordo: è lo schermo AMOLED con le sue qualità a renderlo possibile, e questa idea ci pare decisamente più utile della precedente.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

L’autonomia non varia tra i due prodotti, anche se forse in fase di ottimizzazione Samsung è riuscita a far fare qualcosa di più alla batteria integrata da 2.600mAh. Lo schermo è identico, curvatura sui bordi a parte, quindi non influisce su questo aspetto. Sul piano estetico invece c’è differenza soprattutto col testo scritto presentato a video: sui due bordi laterali risulta leggermente distorto e dunque in certe circostanze può dare fastidio – così come qualche riflesso di troppo può essere controproducente soprattutto all’aperto.
Il nostro giudizio sul Galaxy S6 non varia dopo aver provato la versione edge: si tratta di un ottimo prodotto realizzato da Samsung traendo il meglio dalla tecnologia che aveva a disposizione, e a distanza di mesi dal suo debutto resta tra i migliori smartphone del 2015. Le modifiche apportate al firmware hanno solo migliorato il pacchetto, ottimizzando le prestazioni.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

La scelta tra S6 e S6 edge è una questione puramente estetica: la variante con schermo curvo non ha nessun vantaggio decisivo rispetto all’altra, fatta eccezione ovviamente per il fattore design. Ma qui si entra nel campo del gusto personale, dunque diventa una questione del tutto soggettiva: l’edge è un prodotto unico, non ci sono concorrenti in grado di vantare lo stesso tipo di finitura per lo schermo, si tratta di capire se questo sia un richiamo irresistibile per l’acquirente o una questione da liquidare con una scrollata di spalle.

Samsung Galaxy S6 edge
Samsung Galaxy S6 edge

Il prezzo del Galaxy S6 è calato in queste settimane, anche se non tanto quanto i suoi predecessori: tra offerte degli operatori per l’acquisto a rate, offerte a volantino dei maxi-store e programmi di incentivazione della stessa Samsung c’è comunque molta scelta, e dunque è possibile prendere in considerazione diverse soluzioni se si è scelto il Galaxy S6 per un prossimo acquisto.

Dati tecnici

Accessori
Supporta On the GO per le periferiche USB
accessori per i wearable
Supporta e-sim
Supporta dual sim
Batteria
Velocità di ricarica in milliAmpere per ora (mAh) 2600
tipo di batteria Li-ion integrata
Ricarica rapida
Ricarica wireless
Memoria
RAM 3 GB
Memoria interna MB
Memoria esterna
Navigazione
GPS
Sistemi GPS supportati Glonass
Processore
Chipset SAMSUNG Exynos 7420 (8 core)
Processore 4xCortex-A57 4xCortex-A53
Rete mobile
Reti supportate EDGE,UMTS,HSUPA,GPRS,LTE
Schermo
Diagonale 5,1"
Sistema operativo
Sistema Operativo Android 5.1.1
Connettività
NFC
HDMI
Infrarossi
WiFi Tipo 802.11 a/b/g/n/ac
USB Micro USB MHL v2.0
Bluetooth v4.1

Foto e video

Camera frontale
Risoluzione massima
* specifiche per sensore
Camera posteriore
Raw
Flash (cam. posteriore) LED Flash
Risoluzione massima
Frame rate (fps) , cam. posteriore 30
Risoluzione massima video
* specifiche per sensore

Multimedia

Audio
DTS
aptX - presenza della tecnologia qualcomm per il BT wireless low latency
Dolby Atmos
Hi-Res Audio
Audio Stereo
Low Latency Audio
DAC Audio dedicato

Sensori

Biometria
Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Sensore impronta sotto il display
Riconoscimento iride
Fisici
Bussola
Barometro
Giroscopio
Accelerometro
Prossimità/Luminosità

Notizie Samsung Galaxy S6 Edge

Tutte

Immagini Samsung Galaxy S6 Edge

Tutte