Schermo più ampio: ma le qualità del flagship coreano restano le stesse.

La differenza principale, e forse anche l’unica, tra il Galaxy S6 edge e il fratello maggiore S6 edge+ è la diagonale dello schermo: in questo caso cresce fino a 5,7 pollici, conservando però tutte le altre caratteristiche che abbiamo già visto quando abbiamo recensito il modello precedente. Ciò significa doppia curvatura sui due lati lunghi, una scelta estetica che rende di fatto questo smartphone unico, ma anche la stessa ottima dotazione hardware che abbiamo già avuto modo di apprezzare con i modelli standard di Galaxy S6.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

Qualche differenza sul piano software migliora ancora l’esperienza d’uso del Galaxy S6 edge+, che per il resto offre lo stesso pacchetto di vendita del resto della linea ammiraglia di Samsung: cuffie in-ear con auricolari in silicone intercambiabili (cavo piatto e pulsanti sul filo), caricabatteria fast-charging e cavo USB-microUSB. Necessaria, e fornita nella confezione, la graffetta (pin) per aprire il vassoio della nano-SIM.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

In Italia l’S6 edge+ arriva in 4 varianti: si può optare per lo storage da 32 o 64GB, e i colori nero zaffiro (in realtà è blu, come vedete dalle immagini del prodotto in prova) e il dorato "gold platinum". Nessuna possibilità di ordinare nel Belpaese la variante da 128GB, che resta una rarità prodotta e distribuita in pochissime nazioni.
Il design del Galaxy S6 edge+ è inalterato: il cambio di misure dello schermo però lo rende decisamente più slanciato, e la struttura in metallo molto sottile che forma i lati della scocca trasmette una sensazione di leggerezza e spessore ridotto quando si impugna questo phablet che monta uno schermo da ben 5,7 pollici. I materiali non sono cambiati rispetto ai due prodotti gemelli che abbiamo già recensito: Gorilla Glass 4 e alluminio, con un peso complessivo di appena 153 grammi che sorprende quando si impugna il terminale per la distribuzione uniforme della massa.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

Le misure del terminale, 154,4×75,8 la superficie frontale e 6.9 millimetri lo spessore, sono pressoché identiche a quelle di uno dei concorrenti più agguerriti: iPhone 6 Plus. Dalla sua, però, il Galaxy può vantare uno schermo più grande (5,7 contro 5,5 pollici), grazie a una maggiore ottimizzazione dello spazio sopra e sotto lo schermo e una cornice davvero ridotta per il pannello SuperAMOLED montato. Certamente il Galaxy S6 edge+ è più ingombrante di altri phablet da 5,5 pollici: ma si tratta di una differenza trascurabile se siete orientati verso un padellone, visto che chi opta per questo formato è in cerca di schermi ampi e prestazioni di buon livello.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

La disposizione degli elementi sulla scocca è quasi invariata rispetto al Galaxy S6 edge da 5,1 pollici: la differenza più significativa è l’assenza dell’emettitore a infrarossi nella parte alta, sparito senza una ragione apparente dalle specifiche dell’edge+, mentre i restanti tasti e sensori sono piazzati esattamente negli stessi punti. Un’altra differenza, non evidente guardando lo smartphone, è la decisione di Samsung di montare 4GB di RAM DDR4: una buona notizia, che sarà salutata con soddisfazione dai fanatici delle schede tecniche, ma che non cambia in modo significativo nè i risultati dei benchmark e neppure l’esperienza d’uso comune visto che il processore montato è sempre il pur ottimo Exynos 7420 (octa-core big.LITTLE a 64bit).

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

Ottimo resta il supporto hardware alla connettività: 4G Cat6 fino a 300Mbps, 13 bande LTE supportate, WiFi dual-band con MIMO e supporto fino al protocollo 802.11 ac, Bluetooth 4.2, GPS con Glonass e Beidou. Non mancano accelerometro, giroscopio, sensore Hall e tutto quanto è lecito attendersi da un’ammiraglia. La batteria montata è da 3.000mAh: un passo in avanti rispetto agli altri S6, ma crescendo la dimensione dello schermo era inevitabile piazzare qualche milliampere in più per garantire autonomia almeno pari a quella delle altre varianti.
La versione di firmware installata sul Galaxy S6 edge+ mostra qualche piccola, ma significativa, differenza rispetto a quella provata su S6 edge: Android è ancora in versione 5.1.1, ma la Touchwiz è stata aggiornata in alcune sue parti per ampliare ulteriormente le funzioni dello smartphone. Ad esempio ora tra le funzioni della parte curva dello schermo c’è anche "Apps Edge": richiamabile sempre tramite la linguetta presente sulla schermata principale (e disponibile, opzionale, anche in tutte le altre app), permette di definire 5 scorciatoie per lanciare altrettante app installate sullo smartphone esattamente come si faceva con i contatti scelti per le cinque posizioni People Edge. In questo caso si tratta di un’aggiunta tutto sommato trascurabile, visto che è ridondante rispetto alla possibilità di creare una scorciatoia per le app direttamente in una schermata home, mentre invece è più interessante quello che è stato fatto nell’app della fotocamera.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

Finalmente disponibile anche lo scatto in RAW, accessibile tramite la modalità Pro di ripresa (quella che offre controllo manuale sui parametri di scatto), questa opzione permette di salvare immagini in formato DNG da rielaborare sul proprio PC o Mac per trarre il massimo dalle qualità del sensore da 16 megapixel montato da Samsung sul posteriore. Lo scatto in RAW permette di salvare, senza perdite, tutte le informazioni raccolte da tutti i pixel di cui è formata la matrice del sensore: mentre quando si salva una foto in JPEG il telefono opera una compressione per abbattere la dimensione del file finale, nel caso del RAW il peso del singolo scatto cresce ma cresce anche la qualità finale se si decide di post-produrre immagine per immagine con un software apposito (ad esempio Photoshop o Lightroom su PC, mentre sui Mac si può utilizzare anche l’app Foto disponibile di serie).

Lo scatto RAW permette di valorizzare al massimo il sensore montato sul Galaxy S6, senz’altro uno dei migliori visto quest’anno a bordo di uno smartphone, ma è senza dubbio una funzione che potrà risultare poco utile a chi è solito puntare e scattare per poi postare le foto sui social network: questi ultimi sappiano che comunque il telefono salva contemporaneamente entrambi i formati in memoria (DNG e JPG), ma ciò comporta inevitabilmente un aumento di peso in memoria degli scatti. Lo stesso vale per le riprese UHD (fino a 4K), che ingombrano di più e costringono anche a fare a meno di stabilizzazione digitale (rimane quella ottica, di ottimo livello) e effetti come l’HDR applicati in tempo reale: l’S6 edge+ resta comunque un ottimo smartphone sul piano multimediale, e l’aggiunta di una modalità per la trasmissione video in diretta su YouTube potrebbe soddisfare le aspettative di coloro i quali sono soliti registare videolog o gestire un canale sul sito di Google.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

Anche il resto delle funzioni del Galaxy S6 edge+ sono all’altezza delle aspettative: complici 4GB di RAM montati, e uno storage tra i più veloci in circolazione, sia la lettura delle email che la navigazione tramite il browser integrato sono rapide e fluide. Molto bene la visione di filmati, perfetti anche in risoluzione 4K, complice anche un altoparlante di sistema un po’ più potente di quello delle versioni da 5,1 pollici e ora quasi alla pari con quello di iPhone (che resta superiore per la qualità complessiva). Con lo schermo da 5,7 pollici si gioca alla grande: la scheda video montata, la Mali-T760, gestisce senza affanni lo schermo 2K (qualche fotogramma perso da Asphalt 8, ma è solo questione di ottimizzare il motore di questo gioco per questo smartphone: le perfette performance di Real Racing dimostrano che di potenza ce n’è più che abbastanza) che è luminoso, brillante e perfettamente fruibile anche all’aperto in piena luce.

L’unico punto interrogativo per il Galaxy S6 edge+, così come per gli altri S6, è l’autonomia: 3.000mAh non possono fare miracoli vista la potenza della CPU e le misure dello schermo e, seppure la modalità di risparmio energetico avanzata e la ricarica wireless integrata danno senz’altro una mano, stressando lo smartphone si può avere qualche difficoltà a coprire una intera giornata. Rispetto al passato, gli utenti Galaxy dovranno pensare necessariamente a un power bank o a portarsi dietro il caricabatterie: il vantaggio delle qualità del fast-charging di Samsung in questo caso è evidente, visto che con 10 minuti di carica si ottiene energia sufficiente ad andare avanti ancora molte ore.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

L’opportunità di acquistare una versione con schermo maggiorato del Galaxy S6 edge sarà accolta con favore da una specifica fascia di acquirenti: coloro che sono in cerca di un dispositivo in grado di offrire anche intrattenimento oltre alle classiche funzioni di uno smartphone, visto che 5,7 pollici uniti alle qualità del pannello SuperAMOLED con risoluzione 2K e un ottimo altoparlante di sistema offrono parecchie garanzie in questo senso. Sul piano delle prestazioni invece non ci sono molte differenze rispetto alla versione da 5,1 pollici: sebbene l’edge+ monti 4GB di RAM, contro i 3 degli altri modelli, non si avverte un incremento di prestazioni particolarmente significativo o almeno tale da consigliare di acquistare questo modello invece dell’altro. Anche lo schermo curvo, visto che le funzioni software ad esso associate sono piuttosto scarne, non costituisce un vantaggio particolare e rimane un valore puramente estetico.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

Un fattore dirimente è senza dubbio il prezzo: il Galaxy S6 edge+ sulla carta costa di più del modello con lo schermo più piccolo, e il prezzo su strada si mantiene leggermente più alto. A queste condizioni la decisione se optare per uno o per l’altro deve necessariamente passare per considerazioni prettamente personali: nonostante la dimensione cresciuta, comunque, l’edge+ non è un telefono eccessivamente ingombrante anche se rimane a buon titolo un vero e proprio "padellone". Per fortuna Samsung ha adottato una nuova gesture per gestire al meglio i 5,7 pollici di diagonale: tre tocchi del tasto home consentono di rimpicciolire l’area attiva e mettere tutto a portata di pollice.

Samsung Galaxy S6 edge+
Samsung Galaxy S6 edge+

Il Galaxy S6 edge+ costituirà, con tutta probabilità, fino alla fine del 2015 e all’inizio del 2016 la punta di diamante dell’offerta Samsung: la decisione dell’azienda coreana di non portare, ufficialmente, il Note 5 in Italia è probabilmente legata alla percezione che Samsung ha del mercato del Belpaese e dei gusti dei suoi abitanti. Senza dubbio la sesta generazione del Galaxy S è una delle più riuscite della carriera di questa linea: chi scegliesse di acquistare questo smartphone, vuoi per la fotocamera o vuoi per lo schermo e i materiali con cui è costruito, non rimarrà deluso anche grazie a una interfaccia Touchwiz finalmente rivista e rivisitata per offrire performance superiori al passato.

Dati tecnici

Accessori
Tipo di sim card supportata Nano
Supporta On the GO per le periferiche USB
accessori per i wearable
Supporta e-sim
Supporta dual sim
Batteria
Velocità di ricarica in milliAmpere per ora (mAh) 3000
tipo di batteria Li-ion
Ricarica rapida
Ricarica wireless
Memoria
RAM 4 GB
Memoria interna 32 GB
Memoria esterna
Navigazione
GPS
Sistemi GPS supportati Glonass
Processore
Chipset SAMSUNG Exynos 7420 (8 core)
Rete mobile
Reti supportate EDGE,UMTS,HSUPA,GPRS,LTE
Schermo
Diagonale 5,7"
Sistema operativo
Sistema Operativo Android 5.1.1 (Lollipop)
Connettività
NFC
HDMI
Infrarossi
Funzioni Bluetooth A2DP/LE
WiFi Tipo 802.11 a/b/g/n/ac
USB Micro USB v2.0
Bluetooth v4.2

Foto e video

Camera frontale
Risoluzione massima
* specifiche per sensore
Camera posteriore
Raw
Flash (cam. posteriore) LED Flash
Risoluzione massima
Frame rate (fps) , cam. posteriore 30
Risoluzione massima foto
Risoluzione massima video
* specifiche per sensore

Multimedia

Audio
DTS
aptX - presenza della tecnologia qualcomm per il BT wireless low latency
Dolby Atmos
Hi-Res Audio
Audio Stereo
Low Latency Audio
DAC Audio dedicato

Sensori

Biometria
Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Sensore impronta sotto il display
Riconoscimento iride
Fisici
Bussola
Barometro
Giroscopio
Accelerometro
Prossimità/Luminosità

Notizie Samsung Galaxy S6 edge+

Tutte

Immagini Samsung Galaxy S6 edge+

Tutte