Arriva in Italia il primo smartphone con light shift design, ovvero con la capacità di cambiare colore quando esposto alla luce, con un retro che passa dall’azzurro all’arancione e a tutte le sfumature di colore ispirate all’alba. Ma realme 9 PRO è molto di più: presenta infatti una potente fotocamera dotata della nuova modalità di strada 2.0, evoluzione di quella vista sui GT Master e GT Neo2, che adesso arriva anche sui modelli medio-gamma della serie numero; e ottime prestazioni grazie al processore da 6nm, un altro primato in questa categoria di smartphone. Lo abbiamo provato per qualche settimana, vediamolo nel dettaglio.

Design

Come da tradizione realme, la confezione di vendita comprende lo smartphone con pellicola protettiva pre-aplicata, un caricabatteria DART da 33W, un cavo USB-C, una cover in silicone trasparente e l’estrattore della SIM.

Le dimensioni dello smartphone sono di 164,3×75,6×8,5mm ed il peso di 195g. Il vetro posteriore presenta una curvatura a 47° per una impugnatura comoda, mentre il display ha profilo piatto. I colori disponibili sono 3: il bellissimo Sunrise Blue, che grazie al processo fotocromatico a due strati riesce a cambiare colore, l’Aurora Green e il più classico Midnight Black.

Il display IPS LCD da 6,6” ha risoluzione FHD+, rapporto 20:9, refresh adattivo fino a 120Hz ed è protetto da Gorilla Glass. All’angolo in alto a sinistra abbiamo l’ormai consueto forellino per la fotocamera frontale, con supporto al face-unlock, e in corrispondenza dello spigolo superiore la capsula auricolare. Sul retro invece il modulo della tripla fotocamera con doppio LED dual-tone.

Ai lati troviamo un microfono per la cancellazione dei rumori in alto; il tasto di accensione con lettore d’impronta digitale a destra; i tasti del volume e lo slot ibrido per le due nano SIM e la microSD a sinistra; la porta USB-C, la griglia altoparlante, il microfono principale e il jack audio da 3,5mm in basso.

Nonostante si tratti di un display IPS e non di un AMOLED dobbiamo dire di averne apprezzato la qualità, e la possibilità di adattare in maniera automatica la frequenza di refresh in base alle applicazioni, passando da uno dei 6 livelli (30Hz, 48Hz, 50Hz, 60Hz, 90Hz, 120Hz) all’altro in modo da garantire la migliore visione.

Caratteristiche

All’interno troviamo il nuovo chipset Qualcomm Snapdragon 695, costruito con architettura a 6nm che per la prima volta viene adottata da uno smartphone di fascia media. Il processore è un octa-core fino a 2,2GHz con grafica Adreno 619, abbinato a 6GB o 8GB di RAM LPDDR4x e a 128GB di memoria di archiviazione UFS 2.2. Come per i modelli lanciati nel 2021, anche realme 9 PRO ha l’espansione dinamica della RAM (DRE) che ci permette di utilizzare parte della memoria di archiviazione come RAM virtuale, andando ad aggiungere fino a 5GB di RAM per migliorare le prestazioni ed il multitasking.

realme 9 PRO presenta poi un sistema di raffreddamento a liquido con superficie notevolmente superiore a quanto solitamente accade in smartphone di questa categoria, così da riuscire a tenere le temperature sotto controllo anche durante sessioni di gaming.

Le connettività comprendono il supporto alle reti 5G oltre che a quelle di generazione precedente, WiFi 5 dual-band, Bluetooth 5.2 con supporto ai protocolli audio aptX, NFC, GPS dual-band con A-GPS/Glonass/Galileo/BDS; e presenti tutti i sensori: luminosità, prossimità, accelerometro, giroscopio, magnetometro. Ottimo l’audio, come da sempre ci ha abituati realme, grazie alla certificazione Hi-Res Audio e al supporto al Dolby Atmos.

La batteria dual-cell da 5000mAh riesce senza problemi a raggiungere i due giorni di autonomia e supporta la ricarica DART da 33W, mentre la nuova realme UI 3.0 basata su Android 12 migliora la grafica e le prestazioni oltre ad aggiungere un ulteriore focus sulla privacy.

Andando ad esaminare il modulo fotografico, abbiamo una tripla fotocamera posteriore composta da un sensore principale Omnivision OV64B da 64MP (dimensione 1/2″, apertura f/1.79, pixel da 0,7µm e pixel binning 4-in-1, focale equivalente di 25,18mm per una visione di 79°, autofocus PDAF) a cui si aggiungono un ultra-grandangolo Omnivision da 8MP (dimensione 1/4″, apertura f/2.2, pixel da 1,12µm, focale equivalente di 15,62mm per una visione di 119°) e un sensore per le macro da 4cm prodotto da GalaxyCore (risoluzione 2MP, apertura f/2.05 e visione di 79,3°).

Presenti tutte le modalità di scatto che abbiamo visto nei modelli del 2021, fra cui le ottime Nightscape e Cielo Stellato, il Tilt-Shift e i ritratti notturni, e la modalità Strada ma per la prima volta qui troviamo nuove opzioni che consentono alla fotografia urbana di diventare Strada 2.0: oltre agli algoritmi e ai filtri che ci hanno permesso di scattare foto suggestive con i modelli della serie GT, qui abbiamo una nuova opzione che aggiunge la Lunga Esposizione Smart per catturare scie luminose, ritratti notturni dinamici, light painting e una particolare modalità ora di punta per far sfumare e quasi scomparire i passanti che spesso rovinano le foto a monumenti e panorami; per queste foto può essere raccomandabile usare un treppiede, soprattutto se vogliamo estendere l’esposizione oltre i pochi secondi, ma per tempi limitati a qualche secondo l’algoritmo di realme riesce a stabilizzare anche i micromovimenti della mano e a darci foto nitide.

Questa nuova modalità ci è piaciuta molto, e abbiamo apprezzato particolarmente la possibilità di regolare manulamente il tempo di esposizione, con intervalli di 0,5 secondi fino a un massimo di 12s, o con una durata infinita che richiede una seconda pressione del tasto otturatore per concludere la cattura. Molto bello l’effetto della lunga esposizione sull’acqua in movimento, come nel caso di una cascata, che rende le foto ancora più d’impatto.

I video possono arrivare fino a 1080p@60fps sia con il modulo posteriore che con la selfie-cam, quest’ultima composta da un sensore Sony IMX471 da 16MP con dimensione 1/3″, pixel da 1µm e pixel binning 4-in-1, apertura f/2.5, in grado di supportare HDR, Nightscape e di produrre ritratti con sfocatura anche in condizioni di bassa luminosità.

Prezzo

realme 9 PRO è disponibile sul sito del produttore, su Amazon e nei principali negozi di elettronica e telefonia al prezzo consigliato di €329 per la versione 6+128GB e €349 per la versione 8+128GB. Solo per le prime due settimane dal lancio odierno è attiva una promo con sconto di €50 sul prezzo di listino.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Dati tecnici

Tipo di sim card supportata 2 nano-SIM
Supporta On the GO per le periferiche USB
Tipologia dual sim dual stand-by
Supporta e-sim
Supporta dual sim
Capacità (mAh) 5000
Tipo di batteria Li-ion
Ricarica rapida
Ricarica wireless
RAM 8 GB
Memoria interna 128 GB
Memoria esterna microSD
GPS
Sistemi GPS supportati Glonass,Galileo,Beidou,A-GPS
Clock 2.21 GHz
Chipset Qualcomm Snapdragon 695 (8 core)
Reti supportate EDGE,UMTS,HSDPA,HSUPA,GPRS,LTE,5G
Nome GPU Adreno 619
Pixel per Inch (ppi) 400
Rapporto d'aspetto 20,1:9
Schermo pieghevole
Tipo di pannello LCD IPS
Diagonale 6,6"
Risoluzione 2412x1080
Interfaccia utente realme UI
Sistema Operativo Android (12)
NFC
HDMI
Infrarossi
Funzioni Bluetooth A2DP/LE/EDR/aptX HD
WiFi WiFi 5
USB Type-C v2.0
Bluetooth v5.2

Foto e video

Numero sensori 1
Risoluzione massima
1 16Mpx
Frame rate (fps) 30
Apertura focale 2.05,,,,
Massima risoluzione video 1080p
* specifiche per sensore
Numero sensori 3
Raw
Flash Dual Tone
Grandangolo
2 1
Risoluzione massima
1 64Mpx 2 8Mpx 3 2Mpx
Frame rate (fps) 30
Messa a fuoco PDAF
Apertura focale (f)
1 1.8 2 2.2 3 2.4
Massima risoluzione video 1080p
* specifiche per sensore

Multimedia

DTS
aptX - presenza della tecnologia qualcomm per il BT wireless low latency
Dolby Atmos
Hi-Res Audio
Audio Stereo
Low Latency Audio
DAC Audio dedicato

Sensori

Sblocco con riconoscimento facciale
Impronta digitale
Sensore impronta sotto il display
Riconoscimento iride
Bussola
Barometro
Giroscopio
Accelerometro
Prossimità/Luminosità