Zoom, lo strumento di videoconferenze più utilizzato in questo periodo di permanenza forzata a casa, sta riportando valutazioni molto basse nella sua versione di app per dispositivi Android.

Zoom: critiche all’app Android

Sia per realizzare una lezione scolastica o una riunione di lavoro per chi ha adottato lo smart-working, Zoom rappresenta – al tempo del Coronavirus – uno degli strumenti più utili per eliminare le distanze.

La piattaforma gode anche delle app per Android e iOs, ma se fino a qualche tempo fa la versione per i dispositivi con l’OS di Google aveva raccolto una valutazione che sfiorava le 4,5 stelle, adesso i giudizi sono crollati, causando una quotazione di 2,4 stelle.

Tra le critiche mosse dagli utenti del robottino verde, vengono segnalati problemi legati alla connettività e alla disponibilità dell’app in italiano. A questa polemica sulla lingua, la stessa azienda risponde che l’italiano non è ancora supportato e che gli idiomi disponibili sono il cinese (semplificato e tradizionale), inglese, francese, tedesco, giapponese, portoghese, russo e spagnolo.

Nonostante queste valutazioni negative, è importante analizzare la questione con un occhio oggettivo. Attualmente Zoom è scaricata da una quantità di persone senza precedenti e l’ottimizzazione del software per una domanda così smisurata a livello mondiale non è possibile realizzarla in poco tempo. Per questo i nuovi utenti, che si aspetterebbero un servizio performante, si ritrovano a dover fare i conti con un’app che non è in grado di venire incontro alle esigenze di tutti, a partire dalla lingua supportata a alla lentezza della connettività.

Contrariamente, l’app iOS di Zoom resta su una valutazione molto alta e pari a 4.2 stelle.

Il motivo potrebbe essere che i problemi registrati su Android non si evidenzierebbero su iPhone o iPad o che Apple, furbescamente, ha bloccato la possibilità di effettuare valutazioni dopo aver notato il flusso negativo su Android.

Fonte:Androidpolice