Da luglio a settembre 2016 Xiaomi è riuscita a vendere in India oltre 2 milioni di smartphone, stabilendo il suo record personale di vendite nel paese da quando la società cinese è entrata in quel mercato.
Rispetto al 2015, il marchio è cresciuto dal 150% grazie soprattutto all’ampliamento del numero di device immessi sul mercato e all'introduzione di vendite non solo online ma anche "fisiche" in negozi tradizionali.

Il logo di Xiaomi
Il logo di Xiaomi

A informare i media dell'importante risultato raggiunto è stato Manu Jain, responsabile di Xiaomi India, che ha aggiunto un orgoglioso: «Ogni quattro smartphone venduti online in India, uno è targato Xiaomi».

Secondo l'International Data Corporation (IDC) sull'importante mercato asiatico (secondo nel continente solo alla Cina) Xiaomi ha immesso in India, nel trimestre di riferimento, 32,3 milioni di smartphone. In questo momento Xiaomi occupa la quarta posizione nel mercato mobile indiano, con il 7,5% di quote.
A contribuire all'ottima sortita c'è anche la produzione degli smartphone fatta in loco: il 75% dei device messi in vendita sul mercato indiano è stato fabbricato in India negli stabilimento Foxconn. Inoltre, per rispondere in maniera adeguata ai consumatori indiani, Xiaomi ha implementato ben 160 centri di assistenza spalmati su tutto il territorio nazionale.