Xiaomi è pronta a lanciarsi nel settore delle auto elettriche e lo farà attraverso una sua controllata. L’investimento iniziale sarà di 10 miliardi di yuan (circa 1,4 miliardi di euro al cambio). Il progetto si svilupperà nell’arco di 10 anni e toccherà un investimento complessivo di circa 10 miliardi di dollari.

Xiaomi è nel settore delle auto elettriche

Il numero uno – Lei Jun – di Xiaomi ha spiegato che non è stato semplice arrivare alla decisione di lanciarsi in un settore particolare come quello dell’automotive, ma che – anche in questo caso – l’affetto e il supporto dei fan hanno avuto un peso importante. Jun si impegnerà in prima persona e sarà a capo di questo ambizioso progetto, che seguirà personalmente.

Il colosso cinese esplorerà un settore nuovo, ma avrà dalla sua un background forte grazie ai risultati già ottenuti negli anni derivanti dalla progettazione, produzione e commercializzazione di prodotti in grado di fronteggiare la concorrenza spietata come quella del mercato degli smartphone e dei dispositivi IoT. Anzi, la nuova avventura inizierà proprio per sviluppare ancora di più il suo business, focalizzato sull’ecosistema “smartphone X AIoT”.

L’annuncio della decisione di entrare nel mercato dei veicoli elettrici arriva in occasione dei primi 10 anni di attività della compagnia accompagnata anche dal lancio di un nuovo logo, che rappresenta al meglio lo spirito in continua evoluzione di Xiaomi.

Una novità che di certo potrebbe cambiare gli equilibri del settore delle auto elettriche, considerando che Xiaomi porterà sicuramente con sé, anche in questa nuova avventura, la filosofia che l’ha resa celebre: offrire prodotti super tecnologici a prezzi accessibili.