Microsoft ha esplorato la possibilità di ridurre il prezzo delle commissioni sui giochi presenti nello store Xbox per scuotere il mondo videoludico. Dai documenti 63
I documenti riservati dell’azienda (adesso trapelati in rete) rivelano alcuni grandi progetti in essere.

Microsoft: il taglio delle commissioni sui titoli

Microsoft aveva pianificato di ridurre il taglio del suo negozio Xbox a solo il 12 percento, secondo documenti riservati archiviati nel caso Epic Games contro Apple. Il produttore di software descrive in dettaglio le tariffe del negozio e le modifiche in un documento di gennaio, dove elenca anche la riduzione del 12% sui giochi per PC annunciata questa settimana. Mentre la maggior parte delle parti importanti del documento sono state redatte, una pagina ha rivelato che l’OEM americano voleva anche ridurre il suo taglio del 30% sul versante della console Xbox.

Una tabella rivela che “tutti i giochi passeranno a 88/12 in CY21“, il che significa che Microsoft aveva pianificato una riduzione significativa alle transazioni Xbox per un certo punto nell’anno solare 2021. Mentre Microsoft ha annunciato questo su PC, che è anche elencato nella stessa tabella, la società è rimasta in silenzio su eventuali piani Xbox. Un taglio del 12 percento sarebbe significativo, in particolare perché Microsoft, Sony e Nintendo attualmente prendono il 30 percento sulle vendite di giochi digitali.

Un portavoce di Microsoft inizialmente ha detto “non abbiamo in programma di modificare la quota di compartecipazione alle entrate per i giochi per console in questo momento“, in una dichiarazione rilasciata a The Verge sabato.

Non aggiorneremo la ripartizione delle entrate per gli editori di console“, afferma un portavoce. L’azienda si rifiuta ancora di rispondere se il documento è impreciso o semplicemente se i piani sono cambiati.

Questo documento fa parte della sfida di Epic Games contro Apple che inizia oggi e potrebbero esserci domande sui piani tariffari di Microsoft qui. Sia Epic che Apple si rivolgono a Lori Wright di Microsoft, VP dello sviluppo aziendale di Xbox, come testimone di terze parti la prossima settimana.

La clausola sui diritti di streaming di cui si parla in questo documento trapelato, suggerisce che gli sviluppatori dovranno garantire che i giochi siano disponibili su xCloud per questo taglio migliorato delle entrate. I diritti di gioco nel cloud, e in particolare Xbox Game Pass, sono diventati un terreno di battaglia emergente per i diritti di esclusiva per console in molti contratti di recente. Nvidia ha anche generato respingimenti da parte di editori e sviluppatori dopo aver pubblicato alcuni giochi sul suo servizio di cloud gaming GeForce Now senza autorizzazione.

Come abbiamo notato di recente, anche Microsoft ha tranquillamente appoggiato l’azione di Epic Games contro Apple. Il colosso di Redmond ha già difeso il suo taglio del 30% per le vendite di giochi digitali Xbox ed Epic Games è stata felice di mantenerlo in vigore. “Le console di gioco sono dispositivi specializzati ottimizzati per un uso particolare“, ha affermato Rima Alaily, vice consigliere generale di Microsoft, lo scorso anno.

Alaily sostiene che “il modello di business per le console di gioco è molto diverso dall’ecosistema di PC o telefoni“, perché Microsoft sovvenziona l’hardware e le console “sono ampiamente superate sul mercato da PC e telefoni“. Un dirigente di Epic Games ha anche rivelato in una deposizione in tribunale questa settimana che la società non ha mai cercato di negoziare con Microsoft per evitare di utilizzare il suo motore di commercio su Xbox. Nonostante abbia difeso il taglio di Xbox, lo scorso anno Microsoft ha ammesso che la società ha “più lavoro da fare per stabilire il giusto insieme di principi per le console di gioco“.

Fonte:The Verge