Vodafone K.K., filiale giapponese del gruppo britannico Vodafone, ha registrato nel mese di luglio per la prima volta in assoluto un calo del numero dei propri clienti, a testimonianza dei problemi di cui soffre la compagnia telefonica, terzo operatore mobile in Giappone. Facendo un calcolo fra i numero delle nuove attivazioni e quello delle cancellazioni, Vodafone K.K. ha perso circa 3.100 clienti, a causa di un aumento della fuga di abbonati verso le compagnie telefoniche concorrenti.

I motivi dell’abbandono da parte della clientela sono da ricercarsi nella scarsa innovatività dei nuovi cellulari, che non ha consentito a Vodafone K.K. di competere con NTT DoCoMo e KDDI, molti reputano inoltre inadeguata per il mercato giapponese, caratterizzato da diverse peculiarità, la politica commerciale globale che Vodafone tende a seguire in tutti i paesi che la vedono presente. La compagnia telefonica si difende affermando che il calo degli abbonati riscontrato il mese scorso è imputabile alla fine di una serie di promozioni, che ha provocato un aumento del prezzo di alcuni servizi.