La Commissione europea potrebbe presto avviare
un procedimento nei confronti di Italia, Germania e Francia, per ‘l’evidente
fallimento nell’assicurare tariffe legate ai costi per la telefonia vocale da
parte di operatori dominanti di telecomunicazioni’, che si concretizza in costi
elevati per le telefonate, soprattutto quelle urbane.

Ad annunciarlo ieri è stato il commissario
alla concorrenza Mario Monti, che ha inviato una lettera di messa in mora ai
tre paesi, le cui compagnie telefoniche allettano gli utenti con canoni di abbonamento
sottocosto, per poi rifarsi con le tariffe telefoniche.

Insieme alle lettere di mora sono stati ripetuti
gli inviti ad accelerare il processo di liberalizzazione dell’accesso all’ultimo
miglio della rete telefonica, attualmente nelle mani delle compagnie telefoniche
ex-monopoliste, che frenano la competizione imponendo alla concorrenza tariffe
di accesso (local loop) troppo elevate.