TSMC cerca di espandere i suoi piani di produzione di chipset creando un nuovo stabilimento in Arizona. Questo è quanto emerge da un recente report trapelato in queste ore.

Apparentemente TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing Co) sta cercando di espandere i suoi piani per la produzione di chip in Arizona, negli Stati Uniti. Secondo quanto riferito, la società sta progettando di costruire molte altre fabbriche di chip nello Stato, oltre a quella che è già prevista.

Secondo un rapporto di Reuters, la notizia arriva da tre fonti vicine alla vicenda. Per chi non lo sapesse, un anno fa il più grande produttore mondiale di chip a contratto ha annunciato che avrebbe costruito uno stabilimento da 12 miliardi di dollari USA in Arizona. Ciò è stato sostenuto dall’amministrazione Trump e dalla sua vittoria riportando le catene di approvvigionamento tecnologico globali dalla Cina. L’azienda è pronta a costruire un impianto di fabbricazione di wafer da 12 pollici a Phoenix e la struttura dovrebbe iniziare la produzione in serie nel 2024.

Al momento, TSMC produce la maggior parte dei suoi chip nel suo paese d’origine, Taiwan, mentre i suoi impianti più vecchi sono installati in Cina e negli Stati Uniti. Secondo le tre fonti che hanno familiarità con la questione, la società sta pianificando la creazione di ulteriori fabbriche nello stato americano dell’Arizona. Il primo hub in fase di installazione avrà una produzione pianificata di 20.000 wafer, ognuno dei quali conterrà migliaia di chip. Questi wafer offriranno la tecnologia di processo a 5 nm più avanzata dell’azienda.

D’altra parte, non è ancora chiaro quale sia la capacità di produzione delle nuove fabbriche aggiuntive. Il mese scorso, TSMC aveva annunciato di voler investire 100 miliardi di dollari USA nei prossimi tre anni per aumentare la capacità produttiva. Secondo una delle fonti, “lo hanno richiesto gli Stati Uniti. Internamente TSMC sta progettando di costruire fino a sei fab.

Fonte:Reuters