Grazie ad un servizio di misurazione AGCOM, sviluppato dall’Authority in collaborazione con la Fondazione Ugo Bordoni e pertanto terzo rispetto alle aziende coinvolte, è possibile confrontare la velocità delle varie connessioni mobile disponibili sul territorio italiano. Gli operatori monitorati sono quelli principali sul mercato nostrano, ossia TIM, Vodafone, H3G e Wind.

Il confronto, versione “mobile” parallela all’omologo “Misura Internet” progettato per le connessioni via cavo, è valido su 40 differenti città ed i risultati sono archiviati ed esposti nel contesto dell’iniziativa Misura Internet Mobile. Complessivamente il monitoraggio ha riguardato una superficie di territorio pari a circa 4000 kmq con una rappresentatività demografica di circa 12 milioni di abitanti.

Misura Internet Mobile

Conoscere la velocità delle connessioni mobili TIM, Vodafone, Wind e Tre in 40 città italiane? È possibile, grazie ai risultati dell’ultima campagna di misurazioni condotta da aprile ad agosto 2018 dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

I dati di ogni singola realtà locale è disponibile sull’apposito sito Web di Misura Internet Mobile. I dettagli tecnici relativi alla metodologia di misurazione sono esplicitati sull’apposita sezione del sito.

In termini complessivi l’AGCOM ha evidenziato un generale miglioramento delle prestazioni, quantificabile in un +12% in download (con un valore medio pari a 31Mbps) e un +10% in upload (con un valore medio pari a 20 Mbps) rispetto alle medesime rilevazioni effettuate un anno prima. Una apposita mappa consente altresì di scendere nel dettaglio, confrontando i vari operatori città per città grazie alle misurazioni effettuate durante il periodo di riferimento: ognuno può pertanto scegliere la propria zona di riferimento e verificare se siano disponibili rilievi AGCOM con cui confrontare il proprio operatore con quelli concorrenti.

Strumentazione AGCOM per i rilievi di Misura Internet Mobile

Strumentazione AGCOM per i rilievi di Misura Internet Mobile

La Qualità di Servizio […] sta a fondamento di un corretto rapporto fra utenti/consumatori e fornitori/operatori e determina le posizioni dei diversi soggetti operanti sul mercato, stimolandone la competitività. […] L’espressione “Qualità di Servizio” può assumere un universo di possibili significati; precisiamo fin d’ora che il nostro interesse è rivolto all’ambito, limitato pur nella sua ampiezza, che viene definito “tecnico”. Infatti, è possibile notare come vi siano anche altri aspetti di carattere non tecnico che concorrono alla customer satisfaction, ma che esulano dal nostro specifico interesse.

TIM, Vodafone, Wind, 3 Italia: il confronto

Queste alcune delle evidenze segnalate dall’Authority sulle maggiori città italiane:

  • Roma: “la velocità in download raggiunge i 30 Mbps, registrando un incremento del 27%, mentre la velocità in upload supera i 19 Mbps, il 17% in più dello scorso anno”;
  • Milano: “la velocità supera i 32 Mbps, con un miglioramento di oltre il 3%” (vedi esempio sottostante, contenente le registrazioni di segnale effettuate in Piazza Duomo:

    Connessioni mobile a Milano (Piazza Duomo)

    Connessioni mobile a Milano (Piazza Duomo)

  • Torino: “la velocità supera i 32 Mbps, con un miglioramento di oltre il 3%. A Roma la velocità in download raggiunge i 30 Mbps, registrando un incremento del 27%, mentre la velocità in upload supera i 19 Mbps, il 17% in più dello scorso anno”;
  • Napoli: “la velocità in download supera i 21 Mbps (+ 7%) e quella in upload oltrepassa i 16 Mbps (+ 10%) e a Bari, dove è stato registrato un aumento del 16% della velocità in download (quasi 34 Mbps) e del 14% (oltre 21 Mbps) di quella in upload”.

La particolare struttura del sito non ci consente di offrirvi link dedicati per le singole aree monitorate, dunque chiunque fosse interessato ai singoli confronti dovrà effettuare la propria ricerca a mano sfruttando la mappa AGCOM.

L’obiettivo dell’esperimento AGCOM non è in ogni caso quello di confrontare direttamente gli operatori per stilare una classifica generale di valore assoluto e per questo motivo i dati non sono stati presentati in questo modo. L’obiettivo dichiarato è invece quello di mettere in diretta competizione i vari brand, luogo per luogo, affinché ogni cittadino possa avere la possibilità di effettuare il confronto che più si addice alle sue abitudini d’uso. Ciò consente di verificare la copertura anche al di fuori di quanto dichiarato dai singoli attori di mercato, facendo tesoro di un servizio terzo che possa fungere da arbitro super partes nella disamina delle singole performance di connettività.

Fonte: AGCOM