Telecom Italia ha inagurato ieri presso la Stazione
Termini di Roma il primo di una serie di nuovi centri di telecomunicazioni per
la telefonia pubblica, dove i clienti avranno l’opportunità di usufruire
di importanti novità, fra cui i telefoni pubblici ISDN e gli Internet
corner. Per Telecom Italia si tratta di un ulteriore passo nel progetto di ottimizzazione
e miglioramento della telefonia pubblica, che si concluderà intorno alla
seconda metà del 2001, con un investimento di oltre 140 miliardi di lire.

I nuovi telefoni pubblici ISDN, disegnati da Giugiaro,
rappresentano una importante novità nel panorama della telefonia pubblica.
Si tratta di apparati caratterizzati dalla flessibilità in termini di
prezzi e strumenti di pagamento. È infatti possibile pagare le telefonate con
schede telefoniche magnetiche, schede telefoniche a microchip (di prossima commercializzazione)
e a breve anche con carte di credito.

I terminali installati presso il centro di telecomunicazione
sono in grado di applicare prezzi particolarmente vantaggiosi verso alcuni paesi
dell’Europa Orientale (Romania, Polonia, Ucraina, Bosnia, Albania, 400 lire/minuto)
e dell’Africa (Marocco, Tunisia, Ghana, 600 lire/minuto mentre Senegal, Nigeria,
Capo Verde 1200 lire/minuto). Alle tariffe deve essere naturalmente aggiunto
lo scatto alla risposta

Gli Internet corner sono postazioni multimediali
con tutte le funzionalità tipiche di Internet: è possibile inviare
e ricevere messaggi, consultare la propria casella di posta elettronica e navigare
sul Web. I computer sono dotati di schermo e tastiera con un mouse di tipo track-ball
incorporato. Il mezzo di pagamento è la semplice scheda telefonica prepagata.
In un’area dello schermo compare l’importo della scheda e il tempo di navigazione
disponibile in base al credito residuo.