La Commissione Europea ha scelto
la società Helios
Technology
come consulente per il futuro sviluppo dei servizi di emergenza
basati sulla localizzazione chiamati E-112. I nuovi servizi prendono spunto
dall’E911 statunitense, che permette di localizzare, tramite la pressione di
un tasto, la posizione della persona che dovesse trovarsi in difficoltà.

La strada dell’E911 negli USA è
stata molto lunga, visto che il primo progetto risaliva al 1996. L’UE, per evitare
ritardi del genere, si vuole assicurare che l’E-112 sia sviluppato in comune
accordo da tutti gli attori interessati, ovvero costruttori, operatori mobili
e autorità governative.

Attualmente un gran numero di soluzioni
mobili basate sulla localizzazione stanno per affacciarsi sul mercato. Sarebbe
da folli non approfittare dell’occasione per sviluppare un servizio di emergenza
automatico basato anch’esso sulla localizzazione. Tra le cose che dovranno essere
prese in considerazione vi saranno gli aspetti legati alla privacy, ai possibili
finanziamenti e al bisogno di uno standard aperto.

La scelta di Helios non è casuale,
visto che l’azienda è specializzata proprio in servizi di localizzazione ed
ha recentemente fornito soluzioni del genere ad un gran numero di società. Le
raccomandazioni finali che Helios dovrà redigere saranno rivelate nel febbraio
del 2002.