Dalla casa bianca arrivano conferme sulla volontà di Joe Biden – neoeletto presidente USA – di risolvere la mancanza di semiconduttori e il conseguente shortage produttivo. La produzione di console PS5 e Xbox Series X|S risente della scarsità di componenti da circa 6 mesi, così come la nuova serie di schede video Nvidia RTX 3000. La situazione critica si traduce in una scarsa reperibilita e – nel caso delle GPU – in un considerevole raddoppio dei prezzi di vendita e dei tempi d’attesa.

La produzione di componenti elettroniche è da sempre confinata in Asia, più comunemente in Cina e Taiwan, ma è ormai più di un anno che la filiera produttiva in questione ha subito un consistente rallentamento a causa della pandemia.

semiconduttori

I finanziamenti richiesti dalla presidenza Biden ammontano a $150 milioni, il piano è quello di far partire diverse filiere produttive sul territorio statunitense, limitando quanto prima le suddette problematiche. Produrre semiconduttori e chip di vario genere in casa è uno dei punti findamentali del programma “American Jobs Plan” presentato durante il mese di marzo dalla Casa Bianca, che conta un’investimento di oltre $2 trilioni in infrastrutture.

Attendiamo ulteriori sviluppi a riguardo, nelle prossime ore si terrà una conferenza tra la presidenza Biden e diverse grosse società come Alphabet, AT&T, Ford, General Motors, Intel e  Samsung.

Leggi anche: PS5: nessun accordo con Hideo Kojima, colpa di Sony

Fonte:TheVerge